Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Uefa.com: "Napoli, pari per continuare a sognare"


Uefa.com: 'Napoli, pari per continuare a sognare'
19/10/2011, 12:10

Un pareggio per continuare a sognare. Con tanti brividi, e un pizzico di fortuna, il SSC Napoli impone l'1-1 alla corazzata FC Bayern München e difende il secondo posto nel girone della morte alle spalle dei tedeschi.
L'undici di Jupp Heynckes si conferma squadra di un altro livello, ordinata e compatta, ma deve accontentarsi di un solo punto complice anche le polveri bagnate dei suoi cannonieri. Anche Walter Mazzarri deve fare i conti con la luna storta di Edinson Cavani e alla fine deve ringraziare Morgan De Sanctis che in avvio di ripresa neutralizza un calcio di rigore di Mario Gomez.
Come da pronostico, il tecnico del Napoli conferma i titolarissimi con il colombiano Juan Zúñiga largo a sinistra al posto di Andrea Dossena. La vera novità, però, è la posizione di Ezequiel Lavezzi, per una volta al centro dell'attacco nel tentativo di mettere in difficoltà i centrali tedeschi, forti fisicamente ma un po' lenti.
La partenza azzurra è da incubo: il Napoli è contratto, forse intimorito dal curriculum degli avversari, e lascia spazio ai palleggiatori bavaresi. Al primo affondo, così, il Bayern passa: Jérôme Boateng crossa da destra, Gomez porta a spasso Paolo Cannavaro nel cuore dell'area, Hugo Campagnaro non chiude sull'inserimento centrale di Kroos e per il talento della Germania è fin troppo facile depositare il pallone in rete alle spalle di De Sanctis. Neanche cento secondi e i tedeschi sono già in vantaggio.
Il Napoli accusa il colpo, il Bayern è padrone del campo e sfiora il raddoppio in un paio di occasioni ma prima Gomez non inquadra la porta dai venti metri, poi De Sanctis deve esibirsi in una parata con la mano aperta per disinnescare una conclusione al volo di Boateng su calcio d'angolo dalla destra spizzato da Cavani. Gli azzurri non riescono a sbloccarsi e si vedono solo con un colpo di testa a lato di Cavani che prova a sorprendere Manuel Neuer correggendo un tiro sbilenco di Campagnaro.
Quando meno te lo aspetti, però, al 38' arriva il gol del pari che fa esplodere il San Paolo. Christian Maggio, fin lì controllato bene da Philipp Lahm, va via sul lancio in profondità di Gökhan Inler, entra in area e mette al centro: Holger Badstuber, nel tentativo di anticipare Marek Hamšík, interviene in scivolata e tocca il pallone quanto basta per spiazzare Neuer che deve raccogliere il pallone in fondo alla rete dopo dodici partite consecutive con la porta inviolata. È l'1-1 che chiude, un po' a sorpresa, il primo tempo.
Come un animale ferito, dopo l'intervallo il Bayern torna in campo deciso a ristabilire le distanze. E quasi ci riesce, ancora una volta dopo soli tre minuti. Cannavaro, infatti, intercetta con un braccio la conclusione di Gomez e l'arbitro Olegário Benquerença concede il penalty su segnalazione dell'assistente di porta. Dl dischetto, però, Gomez si fa ipnotizzare da De Sanctis che blocca a terra il tiro debole e troppo centrale del bomber di origini spagnole.
Ci prova anche Thomas Müller, in mischia su azione da corner, ma il suo destro si perde sul fondo. Pure il Napoli ha la sua grande occasione, al 58', ma Lavezzi non aggancia l'assist di Zúñiga tutto solo davanti a Neuer. Uno stop sbagliato penalizza pure Franck Ribéry, che approfitta solo a metà dello svarione di Cannavaro, venendo chiuso al momento del tiro da Maggio e De Sanctis. Finisce 1-1 e al Napoli va benissimo così.
FONTE: UEFA.COM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©