Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ugo Filosa vuole festeggiare con una vittoria il titolo italiano Baja 2011


Ugo Filosa vuole festeggiare con una vittoria il titolo italiano Baja 2011
07/10/2011, 14:10

Questo fine settimana a Melfi, in provincia di Potenza, si correrà l’ultima prova del Campionato Italiano di Baja Fmi. La Basilicata sarà splendido scenario per i piloti della disciplina che regala alte velocità di percorrenza alle ruote tassellate. Il leader in classifica, Ugo Filosa, è già matematicamente campione, ma non salterà l’ultima tappa perché ha voglia di festeggiare l’ennesimo titolo con una vittoria: “Anche – spiega il pilota del Moto Club Stabia – quest’anno ho fatto mio il campionato. Sabato e domenica le gare si svilupperanno su un percorso lungo 385 chilometri, con un totale di 148 chilometri di settori selettivi. In particolare quest’ultimi sono ricavati su strade comunali in terra di tipo forestale, con fondi come pietrisco e terra compatta. Sarà una due giorni molto impegnativa, ed ho voglia di salire sul gradino più alto del podio per suggellare una stagione vissuta quasi sempre al vertice. Ringrazio tutti i miei sponsor che mi hanno sostenuto in questa bellissima avventura, ed i ragazzi del Team Cuomoto Racing di Napoli, eccezionali nella messa a punto della mia Husqvarna”. Filosa è fresco reduce dal primo Rally d’Albania, dove tanti piloti italiani si sono divertiti ed hanno portato in alto il tricolore: “La trasferta – dice Big Ugo – è stata molto interessante, ed il livello dei tracciato ha permesso anche ai meno esperti di dire la propria. L’accoglienza ricevuta ha cancellato tutti i pregiudizi che il popolo albanese paga ancora oggi a causa del comportamento di alcuni loro concittadini. Ho fatto parte dello staff organizzativo, ed il successo riscontrato ci ha spinti a programmare una seconda prova che si terrà a metà novembre. Appena ritorno da Melfi, spero con la coppa più prestigiosa, vi aggiornerò con le novità in merito”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©