Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Una macchina ben rodata: le persone che lavorano nel Team Castrol Honda per il Campionato Turismo


Una macchina ben rodata: le persone che lavorano nel Team Castrol Honda per il Campionato Turismo
10/06/2013, 11:57

La prossima tappa europea del Campionato Mondiale Turismo FIA è la gara di Mosca in Russia dal 07 al 09 Giugno. Ma prima che cominci la gara, dietro le quinte, il Team Castrol Honda è al lavoro."Mosca si presenta con le sue sfide uniche", spiega Dario D'Esposito, il direttore sportivo del Team Castrol Honda nel Campionato Mondiale Turismo. "Gli hotel per l'equipaggio ed i piloti sono distanti 50 km dal circuito, quindi abbiamo bisogno di programmare i trasporti in anticipo. E poi ci sono i nostri due camion che hanno bisogno di quattro giorni per viaggiare dall’Italia a Mosca ".Questi sono certo dei camion che trasportano le auto e le attrezzature della squadra, che non possono essere trasportati all'estero e utilizzati nelle manifestazioni d'oltremare in Sud-America, America, Cina, Giappone e nemmeno nella gara finale a Macao."L'Argentina è il primo e più semplice degli appuntamenti d'oltremare da organizzare, perché possiamo preparare tutto dal nostro quartier generale a Milano dopo Porto. Ma con gli Stati Uniti quattro settimane più tardi, abbiamo bisogno di preparare tutti i voli a Buenos Aires e lo stesso ci attende quando viaggiamo dall'America a Suzuka in Giappone. Se qualcosa va male sul serio a questi eventi, diventa una vera sfida perchè siamo molto lontani. Ma saremo sempre uniti come squadra per rendere ciò che è apparentemente impossibile, possibile".Gestire due Honda Civic nel Campionato del Mondo Turismo FIA e assicurarsi che tutto funzioni come un orologio richiede un team di tecnici e ingegneri altamente efficienti, che sono freddi sotto pressione. A capo di questa squadra efficiente c’è Alessandro Mariani, sostenuto dal direttore sportivo Dario D'Esposito. Sotto la loro gestione ci sono cinque membri dell'equipaggio per ogni Civic: ci sono quattro meccanici, tra cui un capo meccanico, un membro del team responsabile per le gomme, un ingegnere per ogni pilota (Michele Caporaso per Gabriele Tarquini e Andrea Biraghi per Tiago Monteiro), più un ingegnere del telaio e un ingegnere dei dati per entrambe le vetture. Ultimo, ma non meno importante, i motori sono gestiti da ingegneri di Mugen Euro, sotto la supervisione del Capo Ingegnere Daisuke Horiuchi di Honda Ricerca & Sviluppo."La filosofia complessiva di JAS è quella di formare una squadra con competenze diverse e complementari. In questo modo siamo in grado di attingere a una vasta gamma di competenze, quando ne abbiamo bisogno e garantire che abbiamo il giusto numero di personale in pista " spiega Alessandro Mariani, Responsabile del Team Castrol Honda nel Campionato Mondiale Turismo. “In altre parole, ottimizziamo la nostra forza lavoro in modo che possiamo offrire qualità senza aumentare la quantità di persone. Questo ci permette di essere più flessibili, più veloci nelle risposte e ovviamente più efficienti"."Un buon esempio di questa efficienza", Mariani aggiunge "può essere visto nel modo in cui abbiamo colto la sfida successiva ai due grandi incidenti di Marrakech. Per essere in tempo per la Slovacchia tre settimane più tardi le due vetture sono state completamente ricostruite in meno di 10 giorni - e si sono piazzate 1° e 2 ° "!"La ragione per cui abbiamo potuto rendere le auto pronte per la gara così rapidamente è stata la versatilità dei nostri meccanici da corsa in Marocco. Non solo sono specializzati nella saldatura ad alta tecnologia e nella carrozzeria ma sono anche esperti in ricambi. Questo vuol dire che il piano di riparazione è stato organizzato in poche ore dopo gli incidenti ed i ricambi giusti sono stati ordinati, mentre le vetture erano sulla via del ritorno a Milano".Il week-end di gara la squadra non è meno occupata. Dopo l'arrivo al circuito, il primo compito che attende l'equipaggio è quello di costruire il box della squadra in corsia - un lavoro che richiede un'intera giornata di lavoro. All'interno si trova l’ufficio di Dario e degli ingegneri, l’officina delle due Honda Civic, il deposito dei pneumatici (20 per il clima secco, 16 per il bagnato, per ogni auto), vari monitor TV, generatori elettrici, frigoriferi. Poi c'è la lavagna delle informazioni digitali - immediatamente visibile quando si entra nel box. Questa lavagna delinea un rigoroso programma di attività che devono essere seguite da ogni membro dell'equipaggio”."6h30, l’equipaggio lascia l'hotel, briefing alle 7h45; tecnici pronti alle 8h15", è tutto scritto con precisione nel calendario."Una mattina di recente ho ricevuto una telefonata da un membro del team, che mi diceva che sarebbe arrivato cinque minuti in ritardo sul circuito", ridacchia Dario. "Questo non può accadere. Per garantire che tutti eseguiamo i compiti in tempo e in modo efficiente dobbiamo rispettare l’agenda, minuto per minuto. E tutti sono uguali, vogliamo essere puntuali, ma questo non è lo stile di un vecchio collegio rigoroso. E’ una squadra felice e manteniamo una buona atmosfera".Quando termina una lunga giornata di corse ancora in base al programma: alle 19h30 cena nel reparto corse Honda, ma non senza un debriefing alle 17h30. "Un giorno di gara tipico per la squadra è di quattordici ore, ma spesso ci sono un paio di membri dell'equipaggio che lavorano fino a tardi e non vedono il loro letto prima delle 02:00 del mattino." E’ una squadra che rispetta tutte le tappe per fare ciò che deve essere fatto.Forse sorprendentemente, il circuito da corsa è una nuova esperienza per il team manager Dario D'Esposito. Fino a pochi mesi fa la sua carriera nel motor sport era concentrata sul rally, sia come team manager che co-pilota di stelle come Andrea Aghini e Andrea Navarra."Un buon co-pilota è anche un grande organizzatore, ed è così che ho ottenuto la mia prima offerta di gestire una squadra. Recentemente è stato Skoda in IRC (ora CER), ma poi ho ricevuto un'offerta da Honda Racing Team JAS. Quindi sì, durante i primi test della Civic WTCC tre mesi fa, è stata la mia prima volta su un circuito. L'unica vera differenza tra il WTCC e il rally sono le regole ed il ritmo del fine settimana. Dobbiamo improvvisare molto nel rally, ma nel WTCC ogni dettaglio è programmato; tutto deve essere corretto dalla A alla Z".Quando mi sono unito alla squadra l'unica cosa che 'suonava' familiare al San Remo nato 45 anni fa era la lingua. Altro che gli ingegneri giapponesi e un meccanico francese, la lingua impiegata nel Team Castrol Honda è prevalentemente l’italiano."E tutti conoscono tutti, perché la maggior parte di loro stanno lavorando in JAS Motorsport, da anni e anni", dice il consulente finanziario “Questo ha enormi vantaggi per l'organizzazione e lo spirito di squadra - siamo una grande famiglia". Così, quando Gabriele Tarquini e Tiago Monteiro appaiono sulla griglia di partenza nella gara di Mosca, il Team Castrol Honda ha fatto il suo lavoro: dipenderà allora dai piloti fornire i risultati a tutti i soggetti coinvolti che hanno lavorato così duramente per il loro raggiungimento.

Commenta Stampa
di Ilaria Nacciarone
Riproduzione riservata ©