Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Un'estate in Scotland!


Un'estate in Scotland!
18/09/2012, 11:36

Con l’aumento delle temperature, aumenta la voglia di svestirsi. In moto, però, cedere alla calura significa diminuire le proprie difese contro l’imprevisto che nessuno vorrebbe mai affrontare. Negli ultimi anni l’abbigliamento tecnico ha fatto enormi passi in avanti in termini non solo di sicurezza e vestibilità, ma anche in capacità di non soffocare chi l’indossa. Tra le aziende che offrono capi alla moda che permettono di godere in sicurezza le meraviglie che solo una moto può regalare c’è la Scotland. L’azienda napoletana capitanata da Gino Civile, presenta un catalogo variegato dove sia il motociclista sia lo scooterista può trovare le giuste risposte alle proprie esigenze di abbigliamento tecnico. Questa estate ho avuto modo di testare giorno dopo giorno il casco Air, la giacca Buell Summer ed i guanti Soft. Un tris che mi ha permesso di vivere in sicurezza la mia passione per le moto quotidianamente, anche a temperature desertiche. Il casco, del tipo Jet, ha un design accattivante ed elegante al tempo stesso. Leggero, dalla più che buona qualità costruttiva, ha una visiera che protegge il viso nella sua quasi totalità. In marcia, anche alle velocità autostradali, non è rumoroso e non tende a scappar via dalla testa. La giacca, traforata sul davanti e dietro, ha le protezioni su spalle e gomiti. Il taglio è sportivo, ha le fasce di regolazione sui fianchi e le finiture sono buone. Con questa giacca anche quando fuori il termometro segna quaranta gradi e più, non ci sono scuse per non salire in sella. In movimento permette il massimo flusso d’aria per mantenere fresco il busto. I guanti calzano alla perfezione e non rendono macchinose le manovre di guida. Che sia il semplice tragitto cittadino o il lungo viaggio della vacanza, consiglio questi tre capi a chi è alla ricerca di praticità, qualità e costi contenuti. Come recita lo slogan dell’azienda partenopea: Scotland, la moda in moto!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©