Sport / Calcio

Commenta Stampa

Unicredit ha fretta: i Sensi devono vendere la Roma Calcio


Unicredit ha fretta: i Sensi devono vendere la Roma Calcio
29/05/2009, 11:05

Questa volta siamo di fronte quasi ad un ultimatum formale: Rossella, Maria Cristina e Silvia Sensi, proprietarie della Roma Calcio, dovranno vendere la loro quota della squadra, per ripianare il debito di 280 milioni che hanno nei confronti della Unicredit. A lanciarglielo è stato il numero 2 della banca, Paolo Fiorentino, facendo presente che non è stata onorata la scadenza della rata lo scorso 31 dicembre e che tra poco ne scadrà un'altra.In caso contrario, sarà la stessa Unicredit a muoversi in prima persona a tutela del proprio credito.
Questo lascia le sorelle Sensi con le spalle al muro, visto anche i risultati economici, che mostrano un cash flow dimezzato, rispetto all'anno scorso. Gli acquirenti in teoria ci sarebbero: si è parlato dell'imprenditore romano Francesco Angelini, di un fondo libico o di Roger Tamraz, imprenditore libanese con passaporto americano e proprietario di Tamoil, che potrebbe rilevare addirittura l'intera Italpetroli. Comunque si vedrà, probabilmente molto presto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©