Sport / Vari

Commenta Stampa

Valeria Calabrese medaglia di bronzo ai VI Campionati Unione Europea Femminili


Valeria Calabrese medaglia di bronzo ai VI Campionati Unione Europea Femminili
04/06/2011, 10:06

La Squadra Azzurra Femminile ha concluso la sua avventura sul ring dell’Unione Europea con la medaglia di bronzo nei 51 Kg. dell’azzurra Valeria Calabrese che oggi non è riuscita a superare l’inglese Nicola Adams. Un bottino meno ricco rispetto allo scorso anno in cui la campionessa italiana era salita sul podio più alto dei 48 Kg. Un traguardo mancato ma un bagaglio di esperienza in più soprattutto per la giovane Monica Gentili, che si è fatta notare nel suo secondo match in campo internazionale.

In occasione della sesta edizione dei Campionati dell’Unione Europea Femminili, che ha visto all’opera sul ring polacco di Katowice ben 84 atlete in rappresentanza di 20 nazioni (Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Inghilterra, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia), l’Italia ha dovuto faticare per piazzarsi al terzo posto.

Un’impresa che purtroppo non è andata a buon fine per il Capitano della Squadra Patrizia Pilo, del Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito, uscita al primo turno come per la debuttante Marzia Verrecchia, della Società Il Gladiatore Boxe Academy e vicecampionessa italiana. La sfortuna ha avuto poi la meglio sulla campana Marzia Davide, medaglia d’argento dell’Unione Europea nel 2009, che è stata protagonista di una finale anticipata contro la tre volte campionessa del mondo Katie Taylor, incontrata in occasione dei Quarti di Finale.

Dopo l’ottima performance di ieri, in cui ha superato per 18 a 8 la turca Aktop Derya, la campionessa in carica dei 51 Kg. Valeria Calabrese, dell’ASD Boxe e Fitness, medaglia di bronzo agli Europei nel 2006, d’argento ai Campionati dell’Unione Europea del 2006 e d’oro a quelli del 2010, oggi,in Semifinale ha visto sfumare la corsa al podio più alto e si è dovuta accontentare della medaglia di bronzo, l’unica conquistata da tricolore. Protagonista di un match tirato, la Calabrese, meno incisiva rispetto al primo match, è stata battuta per 15 a 5 dalla quotata inglese Nicola Adams. Dall’oro al bronzo ma con un’esperienza in più alle spalle.

E l’esperienza è stata la vittoria più grande della giovane Monica Gentili, dell’AS Sordini Boxe Fiumicino, vicecampionessa italiana e medaglia di bronzo al Torneo Opal Coast svoltosi da poco in Francia, che, alla sua seconda uscita internazionale, si è fatta subito notare per grinta e determinazione. Nel match dei Quarti di Finale contro la francese Laetitia Chevalier, vincitrice per 23 a 14, l’azzurra ha dato spettacolo e si è messa in bella mostra nonostante il verdetto non sia andato a suo favore. Un test importante per la crescita di un’atleta che se non fosse per l’età (ha quasi trent’anni) potrebbe fare progetti a lungo termine, come ha sottolineato il tecnico federale Cesare Frontaloni che domenica insieme alle atlete, al Team Leader e medico della Squadra Giuseppe Macchiarola, al fisioterapista Stefano Tortorella ed all’arbitro-giudice internazionale Maria Rizzardo, tra i migliori dei campionati, farà ritorno in Italia.

Nel percorso di avvicinamento a Londra 2012 ed alle qualificazioni olimpiche che si svolgeranno in occasione dei Campionati Mondiali Femminili previsti il prossimo anno in Cina, i Campionati dell’Unione Europea rappresentano un momento di selezione fondamentale per le atlete più esperte in vista anche degli imminenti Campionati Europei Femminili che si svolgeranno ad ottobre a Rotterdam. L’Italia, del resto, è sempre stata protagonista in tutte le edizioni: la prima nel 2006 a Porto Torres in Italia, la seconda nel 2007 a Lille in Francia, la terza nel 2008 a Liverpool in Inghilterra, la quarta nel 2009 a Pazardjik in Danimarca e la quinta nel 2010 a Keszthely in Ungheria.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©