Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

"Le società ora preferiscono comprare giocatori affermati"

Verratti: "Napoli e Juve mi volevano ma ha pesato la crisi economica"

Nel 2012 Marco doveva restare in Italia ma poi andò al Psg

Verratti: 'Napoli e Juve mi volevano ma ha pesato la crisi economica'
15/02/2014, 14:57

NAPOLI - Verratti era a un passo dal trasferirsi al Napoli nell'estate del 2012, e invece poi è andato a Parigi ad indossare la maglia del Psg. In Francia il ventunenne di Pescara si trova benissimo, e punta a vincere per il secondo anno di fila la Ligue1 e sogna l'accoppiata Champions League-Mondiali. Il talento di Pescara ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport e, tra tanti argomenti, ha parlato anche del mancato trasferimento alla Juve e al Napoli.

Alla domanda se un giorno tornerà o meno a giocare in Italia, Verratti risponde:"Non lo so, quando sto bene in una squadra come adesso difficilmente mi viene voglia di cambiare. Perchè me ne vada dal Psg, bisogna che si stufino di me". Nessun rammarico per non essere finito al Napoli o alla Juventus nell'estate 2012 Nessuno. Tornassi indietro rifarei la stessa scelta".

Alla domanda sul perché, secondo lui, il Napoli e la Juve si sono fatte sfuggire Verratti, lo stesso ammette: "Ultimamente mi sembra che i club della Serie A stiano puntando di più sui giovani, ma la mia è stata una situazione particolare- Molte squadre italiane mi volevano, ma la crisi economica si fa sentire. Tante società preferiscono spendere 10-12 milioni per un giocatore affermato piuttosto che per un ragazzo".

Sul giovane rivelazione del campionato italiano, Verratti non ha dubbi: "Insigne. Ha avuto qualche difficoltà, ma rimane fortissimo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©