Sport / Calcio

Commenta Stampa

LE RAGIONI DEL "NO"

Verratti-Napoli, lo strappo non è ricucibile?


Verratti-Napoli, lo strappo non è ricucibile?
26/06/2012, 11:06

La preferenza indicata dall’allenatore potrebbe togliere dall’impasse i dirigenti azzurri: Mazzarri, infatti, non ha accettato di buon grado di virare verso l’opzione low cost che sia chiama Marco Verratti. Il centrocampista del Pescara è senza dubbio il pupillo del patron De Laurentiis – ne è letteralmente incantato – ma non risponde ai canoni tecnici dei rinforzi che invoca Mazzarri in questo mercato. O almeno non rientra tra le priorità indicate: da Tymoschuk a Meireles, da Benatia a Zapata, da Balzaretti e Migliaccio a Cuadrado. Giocatori con esperienza e struttura fisica da top. Come Flamini che, però, ieri ha rinnovato con il Milan.
Il «no» di Verratti al Napoli, dunque, non ha fatto strappare i capelli al tecnico azzurro. E due giorni dopo appare più chiaro «il teatrino» andato in scena sabato a Pescara. Il gioiellino pescarese ha rifiutato il club azzurro perché alla Juventus era stato richiesto espressamente da Antonio Conte: insomma, una garanzia sulle presenze in campo che al Napoli nessuno poteva dargli.
A chiudere definitivamente la trattativa, la storia dei diritti d’immagine: a Verratti è stato richiesto di rescindere un contratto appena firmato con un’azienda di abbigliamento. Da qui lo scontro. E il no agli azzurri. Pochi i margini per ricucire lo strappo. Ma nel mercato, ovvio, mai dire mai.
FONTE: IL MATTINO
PdM

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©