Sport / Formula1

Commenta Stampa

Dietro di lui, Hamilton e Webber, Massa ottavo

Vettel, vola con la Red Bull, Alonso solo quinto

Alonso: «Spero nel podio, è il nostro obiettivo»

Vettel, vola con la Red Bull, Alonso solo quinto
26/03/2011, 12:03

Melbourne -  E' buio pesto a Melbourne per la Ferrari, in quanto per i risultati delle qualifiche, sembra di rivedere il finale di campionato di Abu Dhabi, con la Red Bull davanti, Lei e le altre ad inseguire.
Sebastian Vettel, con una prestazione degna dello Shumacher dei tempi d'oro e anche a riconferma di essere il campione iridato da battere, si aggiudica la pole position nel Gp d'Australia, con un giro record in 1'23''529, nuovo primato del tracciato, e senza il supporto del Kers, non utilizzato dalla Red Bull.
Il tedeschino, alla 16esima pole della carriera, prenderà il via davanti alla McLaren-Mercedes dell'inglese Lewis Hamilton (1'24''307), sorprendente insieme il team Mclaren, dopo le preoccupanti e poco incoraggianti prove di inizio stagione.
In seconda fila, l'australiano Webber 3° (1’24”395) , non tanto felice della sua qualifica, e il britannico Jenson Button 4° (1’24”779).
Soltanto una quinta e deludente posizione in griglia per la Ferrari, del due volte iridato, Fernando Alonso (1'24''974), davanti al fantasma del suo compagno di squadra, Felipe Massa, protagonista di una prestazione scialba, per un pilota Ferrari, con l'ottavo tempo (1'25''599) .
Deludente anche Michael Schumacher, Il 42enne pilota tedesco della Mercedes GP, sembrava essere tornato il campione di una volta, dopo le prove di questo inverno, viene eliminato nella seconda manche delle qualifiche e partirà dall'undicesima posizione, dietro al suo compagno di team, Nico Rosberg.
Nella conferenza stampa, post qualifica, il tedesco Vettel, si dice abbastanza fiducioso per la gara anche se sottolinea che il campionato non si decide alla prima corsa: «La stagione è lunga, in gara può accadere qualsiasi cosa, guardate che non ho ancora conquistato punti. Non dobbiamo entusiasmarci troppo dobbiamo restare concentrati e decisi a migliorare, ma devo ammettere che sono molto soddisfatto. Ho un buon feeling con la macchina: era il primo test vero dopo tutte le prove invernali e anche noi aspettavamo delle risposte. Beh, devo dire che sono confortanti».

Hamilton, ringrazia e elogia il team per il lavoro svolto: «Sono stati fantastici coraggiosi e professionalmente brillanti nel lavorare nonostante i risultati non ci premiassero».
Webber, spera nel calore di casa: «Correre in casa dà sempre una motivazione e un’emozione particolari. Il potenziale della nostra Red Bull è indiscutibile, ma la stagione è lunga. Domani dobbiamo partire bene e conquistare il maggior numero possibile di punti».
Alonso, si dice preoccupato per il distacco ottenuto in tempi e non per la posizione di partenza: «Non sono contento della differenza tra noi e la pole, il problema è il distacco dal primo, questo è il problema.In una gara piena di sorprese e con la variabile gomme,Dopo la prima qualifica c'è questo choc, ma anche l'anno scorso la Red Bull ha fatto tante pole ma non altrettanti punti in gara. Non abbiamo usato il 100% del nostro potenziale ma quando lo useremo speriamo di essere più vicini. Domani spero di poter arrivare sul podio, è il nostro obiettivo».
Anche Massa è sorpreso come Alonso della prestazione della ''lattina con le ali'': «È vero, è una differenza grande. Noi qui soffriamo di più, siamo meno competitivi. Siamo andati peggio perchè avevamo meno grip. L'asfalto con questa temperatura non ci ha aiutato.Speriamo di essere più competitivi in qualifica in Malesia dove la pista è un pò diversa. La differenza tra noi e la Red Bull è quella che avete visto».
Alla domanda se Vettel così può già scappare nel Mondiale? Ha risposto: «Se la sua macchina è come oggi dappertutto può scappare, certo che sì. Comunque vediamo domani, è una gara dove tante cose possono succedere. L'affidabilità è importante, dobbiamo pensare a fare punti e a finire la gara».

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©