Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

VIDEO - Colombia, in curva con la bara dell'amico!



VIDEO - Colombia, in curva con la bara dell'amico!
29/03/2011, 15:03

Nei campionati sudamericani siamo abituati a vedere di tutto. Purtroppo spesso raccontiamo di risse e persino omicidi tra tifosi, ma stavolta il morto provoca più stupore che orrore. Siamo allo stadio General Santander, durante la gara di campionato Cúcuta Deportivo-Envigado. Ad un quarto d’ora dalla fine della partita i tifosi di casa riescono ad introdurre, chissà come, una bara sugli spalti. La prima reazione che si è avuta è di pensare a qualche azione dimostrativa, una bara finta, uno scherzo. Ed invece la bara era vera e conteneva Cristopher Alexander Sanguino, un ragazzo di appena 17 anni che il giorno prima era stato ucciso da alcuni sicari. Il giovane era tifoso della squadra di casa, e così il suo funerale è stato interrotto per l’ultimo saluto ai suoi beniamini.
Fatto sta che, ironia della sorte, appena 5 minuti dopo il suo “ingresso” sugli spalti, la sua squadra va in gol. Segno divino o puro caso? Questo non lo sapremo mai, ma vorremmo invece sapere come ha fatto una bara, con dentro un cadavere, ad entrare in uno stadio.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©