Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GUARDA L'INTERVISTA

VIDEO Alberti:"Ho parlato con Diego di Lavezzi"


.

VIDEO Alberti:'Ho parlato con Diego di Lavezzi'
11/11/2010, 18:11

Intervenuto nel corso di "Settimana Azzurra", il magazine di approfondimento sul calcio Napoli in onda dal lunedì al venerdì alle 20.15 su Telelibera e alle 21.15 su Julie Italia, Josè Alberti ha detto la sua su Ezequiel Lavezzi, del quale ha parlato anche con un amico di tutti i napoletani.
"Nessuno all'inzio del campionato avrebbe mai immaginato un Napoli lassù, ad essere sincero neanche io. L'unico rimpianto è che il Napoli non è abbastanza cattivo, se lo fosse stato in altre partite adesso avrebbe sicuramente qualche punto in più. Lavezzi con Cavani sta facendo grandissime cose. Il Pocho non è una vera prima punta, deve partire da dietro per essere più incisivo con la sua velocità."
Cosa manca a questa squadra per fare il tanto agognato salto di qualità?
"Io sono molto critico nei confronti della società, secondo me non comprano giocatori che possono far fare a questo gruppo un salto di qualità. Servono un paio di giocatori non da formare, ma già pronti a lottare per grandi traguardi. Il Napoli è una squadra monca, gli manca un grosso difensore, un attaccante da 25-30 gol e magari un esterno sinistro alla Di Maria. Un giocatore così vicino a Lavezzi e Cavani farebbe fare il salto di qualità a questa squadra, gli garantirebbe la Champions. Aggiungere un campione a questa squadra e magari altri giocatori di qualità l'anno prossimo potrebbe portare il Napoli anche a lottare per grandi traguardi già nella prossima stagione. Io spero che Lavezzi non vada via da Napoli, dopo Maradona è l'unico che ha esaltato il San Paolo, l'unico che fa divertire i tifosi. Il Pocho è straordinario, ma non è assolutamente ai livelli di Maradona. Con Diego ho parlato l'ultima volta il giorno del suo compleanno. Abbiamo parlato anche di Lavezzi e lui ha sempre detto che in nazionale lo teneva in grandissima considerazione, gli piace molto."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©