Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA HAMSIK

"Vincere la coppa Italia e con il Chelsea"


.

'Vincere la coppa Italia e con il Chelsea'
07/03/2012, 14:03

Ospite del salottino di radio marte, Marek Hamsik parla dei prossimi impegni, della sua nuova posizione e del suo rapporto con i tifosi.
"Stiamo vivendo un momento speciale, i risultati sono ottimi ma non dobbiamo distrarci soprattutto in champions dove dobbiamo ancora giocare il ritorno. Il campionato è molto equilibrato, bastano un paio di vittorie consecutive per rientrare in corsa nella lotta per un posto in Europa. Adesso c'è il Cagliari, squadra pericolosa che potrebbe crearci molti problemi. In Italia le partite sono tutte difficili, speriamo di non soffrire come contro il Parma anche se le vittorie sofferte sono quelle più belle."
Da quando Hamsik ha cambiato posizione tutta la squadra sembra girare meglio.
"Per me conta poco dove gioco, basta che la squadra vinca. La mia posizione però dipende spesso da come si schierano gli avversari ma ripeto, l'importante è vincere. Forse segno meno gol in campionato, ma di certo sono migliorato negli assist, mai fatti sette in un solo campionato. Poi ora che non segno io ha iniziato a segnare il Pocho."
Lavezzi e Cavani vivono un grande momento.
"Quello che stiamo vedendo è il miglior Pocho di sempre, corre, segna e regala assist. Lui e Cavani sono molto richiesti, non sarà facile trattenerli ma sono certo che il presidente non venderà nessuno perchè anche lui vuole vincere come noi."
Adesso non bisogna distrarsi in campionato ed in champions.
"Ci aspettano delle partite molto difficili. Tutti si aspettano una vittoria facile con il Cagliari ma non sarà così, ci sarà da soffrire. Contro il Chelsea dobbiamo scendere in campo concentrati, non dobbiamo commettere l'errore di pensare di aver già vinto. Poi ci sarà la sfida con l'Udinese per il terzo posto e il ritorno con il Siena in coppa Italia, ci sarà da soffrire."
Il Chelsea, dopo il cambio di allenatore, è tornato a vincere
"Quando c'è un cambio in panchina i giocatori hanno sempre una scossa, ma questo per noi cambia poco. Sono loro a dover recuperare, loro dovranno attaccare e noi dobbiamo essere bravi a ripartire con il Pocho e Cavani. Faremo di tutto per passsare il turno, voglio risentire il pubblico del San Paolo gridare alla fine dell'inno della champions."
Lavezzi, Cavani ed Hamsik sono i giocatori più richiesti dai club europei.
"Noi non pensiamo ad altri club, andiamo in campo per far bene e far vincere la nostra squadra. Il mio sogno è di vincere qualcosa con la maglia del Napoli ed in questo momento il trofeo più alla nostra portata è la coppa Italia ma il Siena ci ha messo in difficoltà sia in coppa che in campionato, non sarà facile."
Ottimo il rapporto con la gente di Napoli, con l'allenatore e con il presidente.
"Questi cinque anni sono stati bellissimi, spero di continuare su questa strada. Sappiamo che le soddisfazioni sportive per questa città arrivano soprattutto da noi, ne abbiamo consapevolezza e vogliamo continuare a regalare soddisfazioni ai nostri tifosi."
Domenica sono stati avversari in campo, ma Hamsik ha un rapporto speciale con Santacroce.
"E' un mio caro amico, ci conosciamo da tempi di Brescia. Prima della partita aveva detto che mi menava, è riuscito a rompermi una scarpa."
Si dice sempre che il segreto del Napoli è il gruppo.
"Il Pocho è quello che ride sempre, scherza e mette sempre musica. I più carismatici sono di certo quelli che sono qui da più tempo come Cannavaro. Mazzarri è stato bravissimo, ha costruito un ottimo gruppo. Le indicazioni sue di Frustalupi? Quando giochiamo non si sente nulla, ma noi già sappiamo cosa dobbiamo fare in campo." 

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©