Sport / Calcio

Commenta Stampa

Violenza negli stadi: La polizia non tollera eccessi da parte dei tifosi


Violenza negli stadi: La polizia non tollera eccessi da parte dei tifosi
31/07/2009, 15:07

Giudichiamo sicuramente positivo l’incontro che i vertici della Polizia di Stato hanno avuto con quelli del mondo del calcio. Un incontro che ha inteso gettare le basi per garantire a tutti, tifosi, società e Polizia stessa di vivere una stagione calcistica tranquilla. Ma la nostra esperienza ci insegna che spesso gli incontri non bastano affinché le buone intenzioni si trasformino in fatti – dice Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – e questo è già palpabile nel momento in cui ci si rende conto che alcune società non hanno accolto di buon grado la “Tessera del tifoso”.
Sia chiaro a tutti però – dice ancora Maccari – che la tolleranza verso episodi che in qualche modo possano mettere a rischio i tifosi e gli stessi uomini della Polizia di Stato sarà ridotta ai minimi termini, quindi è chiaro che tutti dovranno adeguarsi e questo è un messaggio che deve arrivare forte e chiaro ai potenti del calcio nostrano”
“Vogliamo con tanto di responsabilità sociale – dice ancora il Segretario Generale del Coisp - che si torni ad andare allo stadio per godere uno spettacolo e non per assistere ad una guerra!!! Vogliamo che gli stadi di calcio tornino a popolarsi di giovani e famiglie che possono vedere la partita in tutta tranquillità. Noi, certo, non vogliamo schedare nessuno, ma abbiamo bisogno di sapere chi entra negli stadi con il solo scopo di creare problemi”. “Il 59% dei feriti tra le Forze dell'Ordine nel campionato appena trascorso – conclude Maccari – ci sembra davvero un dato ancora troppo alto se si parla di semplici partite di calcio”
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©