Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'OBIETTIVO

"Vogliamo la Champions. Con i viola sarà dura"


'Vogliamo la Champions. Con i viola sarà dura'
13/01/2011, 14:01

Christian Maggio, ospite di Marte Sport Live, ha commentato il bel momento che sta vivendo lui e la squadra.
"Sono finalmente tornato ai miei livelli dopo aver iniziato il campionato in riserva. Non sono partito come mi aspettavo, ma sapevo che avrei superato questa situazione. La squadra ha voglia di mostrare il suo valore e per fare questo il lavoro e il sacrificio sono fondamentali. E' bello essere secondi, dobbiamo ancora dimostrare tanto. Adesso sono tutte finali e dobbiamo cercare di restare in alto nel momento decisivo del campionato".
Uno dei riti portafortuna della squadra è la pizza.
"Spesso lo facciamo dopo le partite serali, è un modo per ritrovarci. L'unità d'intenti è fondamentale, è stata utile anche quando abbiamo passato momenti difficili e siamo riusciti a superarli proprio grazie alla coesione".
Adesso c'è la Fiorentina, la prima vittoria di Mazzarri in trasferta ottenuta con un gol proprio di Maggio.
"Volevamo assolutamente fare bene per dare una svolta al nostro campionato. Da allora è cambiato tutto. Siamo in grande crescita, sicuramente arriveremo a lottare per lo scudetto un giorno. Se firmerei per il quarto posto? Assolutamente sì, la Champions League è un grande obiettivo, significherebbe migliorare il piazzamento dello scorso campionato. Le insidie però,sono ancora tante ed è inutile parlarne adesso. Sabato sarà dura, ma vogliamo continuare a vincere." 
La Fiorentina è una delle vittime preferite di Maggio. Indimenticabile il gol e l'inchino davanti alla curva vuota.
"L'inchino fu una cosa spontanea, quella volta non c'erano e mancava il dodicesimo uomo in campo"
Con il Bologna però non ci fu nessuna esultanza
"In quell'occasione non ho esultato perché avevo attraversato un momento difficile. I tifosi mi sono sempre stati vicino, adesso m'inseguono da tutte le parti".
Gruppo unito con una costante: non mollare mai.
"Le vittorie nel finale hanno un sapore davvero bello. Ricordo quella con il Lecce con la prodezza di Cavani, la soddisfazione è immensa. Anche il mio gol con il Palermo è stato importantissimo. Pensavo che la palla mi arrivasse un po' più indietro, sono riuscito a buttarla dentro con il sinistro".
Quanto Maggio crede ancora alla nazionale?
"Non lo so, a livello di nazionale pago la situazione del ruolo. Ho fatto l'esterno basso tanto tempo fa e devo migliorare molto la fase difensiva. Con Prandelli non ho alcun problema dopo la mia esperienza alla Fiorentina e bisogna essere onesti. Sono migliorato anche grazie a lui".
Gennaio mese di mercato.
"Chi arriverà, sarà ben accetto dal gruppo. Speriamo che ci dia una grossa mano".
Tra poco parte anche la Coppa Italia.
"Molti la snobbano. Ma noi ci teniamo, se passiamo il turno, andiamo ai quarti e si comincia a fare sul serio".

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©