Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Week end di gare al MINI Challenge Brazil all’Autódromo Internacional de Curitiba


Week end di gare al MINI Challenge Brazil all’Autódromo Internacional de Curitiba
23/10/2012, 11:26

Nel week end del 19 e 21 ottobre presso l’Autodromo Internacional de Curitiba si è disputata la finale del MINI Challenge Brazil che ha visto l’ottima affermazione di Andrea Gagliardini, il pilota del Team MINI Roma by Progetto E20. Il piazzamento in seconda posizione assoluta al MINI RUSHOUR 2012 – il primo campionato italiano monomarca MINI – ha, infatti, permesso a Gagliardini di partecipare in qualità di ospite all’evento conclusivo di MINI Challenge Brazil. Si è respirata da subito una grande energia. Venerdì 19 ottobre il vice-campione del MINI RUSHOUR 2012 ha ricevuto un benvenuto caloroso sia dagli organizzatori del MINI Challenge, sia dai commissari di prova. Nelle tre sessioni di prove libere – della durata di 30 minuti ciascuna –, a bordo della sua grintosa MINI John Cooper Works Challenge numero 14, Andrea Gagliardini ha subito preso confidenza con il tracciato molto rapido dell’Autodromo Internacional de Curitiba. Nella qualifica ufficiale delle 16:30, Gagliardini non riesce a capitalizzare lo sprint iniziale e si piazza al tredicesimo posto della classifica su quattordici MINI in gara. Tutto è rimandato a sabato 20. Alle 10:00 si parte con la prima gara del week end.

Alle 10:13 inizia la competizione di Gara 1 con una partenza spettacolare e lanciatissima! Andrea Gagliardini si impone subito, “dribblando” tra le MINI schierate nelle prime file conquistando il quarto posto. Una posizione che manterrà fino al termine della gara. In pista entra una Safety Car mentre cinque MINI fanno rientro ai box dopo gli scontri per prepararsi a Gara 2. La prima gara di sabato si infiamma alla grande con bagarre e sorpassi mozzafiato. Andrea Gagliardini sale sul podio piazzandosi al quarto posto.

Alle 14:28 ha inizio Gara 2. Andrea Gagliardini sprinta con una partenza eccellente, posizionandosi al comando. Alcuni scontri e qualche MINI in fuori gioco “mettono pepe” a una già interessantissima corsa. Il pilota del MINI RUSHOUR 2012 rimane in testa per parecchi minuti, ma dovrà cedere agli attacchi dell’esperto Rodrigo Hanashiro e dell’ottimo Matheus Castro.

Domenica 21 ottobre scatta il “D-day” del MINI Challenge Brazil 2012. Gran finale per la terza gara del week end e ultima dell’ottava tappa della stagione. Gagliardini scatta dalla seconda fila, dopo il piazzamento in terza posizione nell’ultima gara. La giornata è bellissima: ci sono 26.000 spettatori ad animare gli spalti dell’Autodromo di Curitiba (chiamato anche di Pinhais dalla popolazione locale). Three, two, one…GO! Andrea Gagliardini brilla subito per una partenza grintosa e si porta al primo posto. Il pilota del MINI RUSHOUR 2012 sarà perfetto, difendendo la sua posizione senza commettere errori e migliorando i suoi tempi, giro dopo giro. Dopo 25 minuti più il giro finale è grande festa per il pilota romano del Team MINI Roma by Progetto E20. Il MINI Challenge Brazil incorona il già affermato campione di questa edizione Victor Gentz insieme al vice Matheus Castro che ha lottato moltissimo per il secondo posto in campionato. Un bell’omaggio al padre soprannominato “Castrinho”, prematuramente scomparso in un incidente il 6 ottobre scorso.

 

Calendario MINI Challenge Brazil 2012: 24/25 marzo – San Paolo; 14/15 aprile – Curitiba; 5/6 maggio – Nova Santa Maria; 30 giugno/1° luglio – San Paolo; 14/15 luglio – Rio de Janeiro; 15/16 settembre – Cascavel; 29/30 settembre – San Paolo; 20/21 ottobre – Curitiba

 

Podio Gara 1: primo - Matheus Castro; secondo – Victor Gentz; terzo Rodrigo Hanashiro; quarto – Andrea Gagliardini; quinto – Raphael Abbate

 

Podio Gara 2: primo – Rodrigo Hanashiro; secondo – Matheus Castro; terzo – Andrea Gagliardini; quarto – Plautos Cattalini Lins; quinto – Ricardo Viana

 

Podio Gara 3: primo Andrea Gagliardini; secondo – Raphael Abbate; terzo – Rodrigo Hanashiro; quarto – Zè Mario Castilho; quinto – Kreis Junior  

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©