Sport / Vari

Commenta Stampa

World Poker Tour torna a Venezia sponsorizzato da GDpoker


World Poker Tour torna a Venezia sponsorizzato da GDpoker
17/01/2012, 17:01

GDpoker sarà sponsor del World Poker Tour Venice Grand Prix. Il prestigioso circuito torna in laguna dal 6 al 10 febbraio 2012 durante il carnevale veneziano, sarà interamente prodotto televisivamente dal World Poker Tour e distribuito a livello internazionale.

A Ca’ Vendramin è atteso il cast del World Poker Tour: con la decennale co-conduzione di Mike Sexton e Vince Van Patten, la presenza della bellissima Marianela Pereyra e le Royal Flush Girls, andrà in scena a Venezia uno degli spettacoli di poker più emozionanti a livello mondiale.

L’evento si svolgerà nelle storiche sale del Casinò di Ca’ Vendramin Calergi e vedrà la partecipazione di numerosi big del poker mondiale. Siederanno ai tavoli del WPT Max Pescatori insieme a tutti i componenti del team di GDpoker, Giovanni Rizzo pro di PartyPoker e giocatori come Jake Cody, Charles Chatta, James Akenhead, Roberto Romanello, John Eames e James Dempsey.

Tornerà a Venezia, per difendere il titolo conquistato nel 2011, Alessio Isaia che nello scorso febbraio con la vittoria nel torneo è entrato a far parte della legenda del poker, il suo nome è stato inciso sulla WPT Champions Cup e si è aggiudicato, oltre alla prima moneta di ben 380.000 euro, il Trofeo di campione del WPT, il Tiffany & Co.® WPT Award in argento pregiato e l’ingresso nel prestigioso WPT Champions Club che offre ai vincitori del WPT benefit esclusivi e un trattamento VIP agli eventi del World Poker Tour.

Accanto al Main Event del torneo dal buy in di 4.950 euro che prenderà il via lunedì 6 febbraio, il calendario offre diversi side event di Pot Limit Omaha di Texas Hold’em con buy-in di vari livelli a partire da 200 euro.

Nell’ambito dell’evento si svolgerà anche il Best Eight del Poker Grand Prix. Gli otto migliori giocatori della classifica generale del circuito by GDpoker si sfideranno per il titolo di campione della stagione 2011.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©