Sport / Vari

Commenta Stampa

Yamaha partner del Giro D'Italia 2010


Yamaha partner del Giro D'Italia 2010
29/04/2010, 11:04

Gerno di Lesmo (MB) – Yamaha Motor Italia sarà nuovamente partner ufficiale di RCS Sport - La Gazzetta dello Sport in occasione del Giro d’Italia 2010. Dopo l’importante debutto nelle due ruote a pedali avvenuto nel 2009 sempre in occasione del Giro, Yamaha ha infatti scelto di supportare nuovamente la più importante manifestazione ciclistica italiana, una delle gare a tappe professionistiche più prestigiose al mondo, grazie alla famiglia XJ6, promuovendo la versione sport tourer con carena integrale XJ6 Diversion F, la novità 2010 che già si è affiancata con successo alla best seller Yamaha XJ6, naked di nuova generazione.
In qualità di moto ufficiali del Giro d’Italia 2010, i due modelli di Yamaha XJ6 saranno costantemente al seguito della carovana rosa nel corso delle 21 tappe che prenderanno il via sabato 8 maggio 2010 dall’incantevole cornice della capitale olandese di Amsterdam, e che dopo un susseguirsi serrato di arrivi in salita, intervallati da traguardi dedicati ai velocisti, si chiuderà con la passerella della cronometro cittadina individuale di Verona, domenica 30 maggio 2010. 25 nuove Yamaha, suddivise tra XJ6 Diversion F e naked XJ6 fungeranno da mezzo di spostamento ideale per la direzione gara, per i commissari itineranti e per la squadra di supporto, oltre che per le moto staffetta dedicate al cambio gomme dei ciclisti impegnati in gara.
Ma non è tutto…
Yamaha Motor Italia ed RCS Sport - La Gazzetta dello Sport hanno infatti deciso di premiare in maniera tangibile la creatività e l’attaccamento al rosa del pubblico di appassionati della corsa ciclistica che ha contribuito a fare la storia del nostro paese tramite ad un concorso a premi interamente ad esso dedicato.
La sfida per gli appassionati sarà quella di utilizzare la carena avvolgente della nuova Yamaha XJ6 Diversion F come una tavolozza vergine sulla quale interpretare piacimento la grafica di una livrea dedicata al Giro d’Italia ed alla sua gloriosa storia. Collegandosi al sito web www.gazzetta.it/concorsi/yamaha, sarà infatti possibile scaricare un esempio neutro di Yamaha XJ6 Diversion F, da personalizzare con la propria proposta di grafica dedicata al Giro d’Italia e re inviare per partecipare al concorso.
L’autore della livrea che meglio sarà in grado di interpretare lo spirito del Giro d’Italia, ad insindacabile giudizio di un’apposita giuria di qualità composta da esponenti di Yamaha e di Gazzetta dello Sport, si aggiudicherà l’incredibile opportunità di vivere da ospite super VIP l’avventurosa tappa montana del Giro d’Italia 2010 Mestre – Zoncolan del 23 maggio. Tra tutti gli elaborati proposti e corrispondenti alle specifiche di esigibilità, inoltre saranno estratti a sorte tre super premi: un esemplare di Yamaha XJ6 Diversion F m. y. 2010, un nuovissimo casco BYE Streamer ed una giacca di pelle casual Yamaha della linea CLASSIC.

“Il Giro d’Italia rappresenta l’evento per eccellenza” dichiara Paolo Pavesio, direttore Marketing e Comunicazione di Yamaha Motor Italia “e non solo per l’enorme quantità di pubblico che raduna sulle strade e nelle piazze d’Italia, oltre che davanti ai teleschermi. Lo è soprattutto per la passione che da oltre un secolo questo evento sa suscitare in modo trasversale in tutta Italia, offrendo la possibilità di contattare una platea di dimensioni difficilmente raggiungibili. Si tratta di un’autentica passione, identica a quella che muove i motociclisti, che amano mezzi capaci di dare emozioni molto vicine a quelle della bici.”
“In occasione del Giro d’Italia 2010, stiamo valorizzando sul mercato italiano una moto – la nuova XJ6 Diversion F – appositamente pensata sia per il pubblico amante delle gite fuori porta che per quello dei viaggi in moto di maggior portata, con un rapporto qualità prezzo inavvicinabile. Il Giro d’Italia ed i suoi appassionati sono dunque il palcoscenico ideale per farla ammirare al grande pubblico sulle più belle strade d’Italia ed, in particolar modo quest’anno, d’Europa.”



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©