Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Yamaha R Series Cup 2010: a Misano il giovane Russo torna al comando nella R6


Yamaha R Series Cup 2010: a Misano il giovane Russo torna al comando nella R6
05/07/2010, 13:07

MISANO – Il talento emergente Riccardo Russo (Viscardo Motors) ha dominato il quarto round della Yamaha R6 Metzeler Cup a Misano tornando in vetta al campionato. Diciassette anni, da Maddaloni (provincia di Caserta), Russo conferma infatti il proprio notevolissimo potenziale, già espresso – sempre in questa stagione - nel CIV Stock 600 e nell’Europeo di categoria. Russo ha vinto alla grande, correndo in testa dall’inizio alla fine e migliorando di 12”4 secondi il record sulla distanza. Il campionato monomarca della Yamaha Motor Italia si conferma dunque fucina di campioncini. A due gare dalla fine la lotta per la conquista del titolo resta apertissima: Gianpietro Avanzi (Bottega della Moto), secondo nel round adriatico, insegue a nove punti, l’ex capoclassifica Andrea Paoloni (Imperiale Moto), arrivato solo sesto, è a -10. I due round autunnali che rimangono (Imola e Mugello) ne assegneranno 400. Nella R1 Leovince Cup Maurizio Prattichizzo ha dominato la scena per la terza volta in quattro gare consolidando il primato in campionato e vede sempre di più avvicinarsi il titolo. Ugo Laudati, terzo alle spalle della wild card Franco Zenatello, resta a -10 punti quando ne restano 52 da assegnare


R6 Metzeler Cup
ARMATA RUSSO IN GARA A - Il diciassette campano è stato superlativo. E’ andato subito in testa e in poche curve ha messo tra se e gli inseguitori un margine di tutta sicurezza, che ha successivamente aumentato girando con tempi pazzeschi. Il weekend precedente Russo aveva debuttato, sempre a Misano, nel round di Campionato Europeo Stock 600, inserendosi subito nel vivo della sfida, ma era scivolato vanificando la possibilità di centrare un risultato di prestigio: stavolta è stato perfetto. Alle sue spalle il bresciano Gianpietro Avanzi, 44 anni, ha tenuto botta per qualche passaggio ma, constatato che acciuffare Russo sarebbe stato impossibile, si è accontentato di consolidare il secondo posto fondamentale per la classifica generale. Il podio è stato completato dal ventisettenne toscano Juri Vigilucci (Errezeta Motor), abitualmente molto competitivo sul tracciato adriatico.

PAOLONI IN DIFFICOLTA’ – Il pilota reatino, vincitore del round di Monza, ha perso la prima posizione in campionato pagando una nuova partenza a rilento. Transitato nono al primo giro, non è riuscito ad andare oltre il sesto finale impegnato allo spasimo da Francesco Scicchitano (Imperiale Moto), ventiduenne livornese rimastogli minacciosamente alle spalle fino al termine. Paoloni non è riuscito a riacciuffare gli ottimi Mitja Emili (Veneta Motor Car) e Andrea Agnelli che hanno dato vita ad confronto spettacolare per la conquista della quarta posizione.

D’ANDREA OCCASIONE MANCATA – E’ andata male al fortissimo Manuel d’Andrea, quindicenne laziale vincitore della Yamaha R125 Cup nella passata stagione. Era in quarta posizione, con il podio nel mirino, quando è caduto (senza conseguenze) alla variante del Parco. Un incidente simile ha tolto di scena Kevin Caloroso, altro quindicenne d’assalto che stava occupando con autorità il sesto posto. Nonostante l’inesperienza, i ragazzini della Yamaha R Series Cup crescono a vista d’occhio. In questa occasione nove piloti under 18 hanno conquistato la qualificazione in gara A e tra i quaranta piloti in griglia quindici erano under 21! Di particolare rilievo le prestazioni dei giovani talenti usciti dalla Yamaha R125 Cup, la formula d’accesso varata nel 2009 da Yamaha Motor Italia: quasi tutti hanno conquistato un posto nella gara principale. Tra questi il più positivo è stato anche in questa occasione il bolognese Manuel Grandi, decimo: nel round di Monza era finito sul podio.

CHE TEMPI! – Nella Yamaha R Series Cup si corre sempre più veloce. Riccardo Russo ha migliorato di 12”4 (oltre un secondo al giro!) il record sulla distanza R6 Metzeler Cup che apparteneva al campione 2009 Stefano Casalotti. Il pilota bresciano campione della R6 Metzeler Cup con il tempo realizzato nel settembre scorso in questa occasione sarebbe arrivato solo settimo. Nella R1 Leovince Cup Maurizio Prattichizzo ha limato il record sulla distanza 2009 di oltre cinque secondi.

RICCARDO RUSSO – “Sapevo di avere un buon passo e volevo vincere a tutti i costi per riprendere la prima posizione in campionato. Avanzi e Paoloni sono lì vicini ma era importante recuperare il terreno perso con la caduta di Monza. Peccato la scivolata nell’Europeo della settimana precedente, ma è stata una bella esperienza e a settembre, ad Imola, proverò a prendermi la rivincita. E’ un bel momento: festeggio la vittoria di Misano e la promozione in quinta ragioneria, con bei voti. Adesso mi rilasso per due mesi, ci voleva!”

GIANPIETRO AVANZI – “Sabato sono caduto e prima del via sono passato in infermeria perché avevo dolori al collo e alla schiena. In gara ad un certo punto ho avuto un momento di difficoltà, non ci vedevo più tanto bene ed ho perso un paio di volte il riferimento delle frenate. Ma ho stretto i denti salvando il secondo posto. Sono un vecchietto ma il campionato me lo gioco fino in fondo.


JURI VIGILUCCI – “E’ il primo podio 2010, un risultato che ci voleva dopo la partenza di stagione un po’ difficoltosa. Abbiamo sistemato ciclistica e motore e adesso la mia R6 va veramente molto bene. Russo è andato subito via, aveva un passo fuori portata. Avanzi invece era ad un soffio, ho provato a superarlo ma ho sbagliato al Carro e a quel punto ho pensato che fosse meglio difendere il terzo posto e pensare alla prossima sfida.”

R6 METZELER CUP ARRIVO GARA A (12 giri, km. 50,712): 1. Russo in 20’43”323 media 146,835 km/h; 2. Avanzi a 5”805; 3. Vigilucci a 7”113; 4. Emili a 11”112; 5. Agnelli a 11”637; 6. Paoloni a 12”259;

FEDERICI DOMINA GARA B – Simone Federici, 24 anni, ha vinto per distacco la gara B riservata ai piloti qualificati dal 41° posto in poi. Il pilota romano è andato al comando fin dal via ed ha agevolmente controllato gli avversari. Tra gli inseguitori il più incisivo è stato il sedicenne milanese Andrea Zanella autore di un fantastico recupero dal decimo al secondo posto finale. A due giri dalla bandiera a scacchi Zanella ha sorpreso Stefano Fellegara che a sua volta è riuscito a tenersi alle spalle gli arrembanti Andrea Vivi, Alessandro Daina e Daniele Schirone. Nona posizione per Alessia Falzoni, ragazza romagnola scattata dalla quarta fila dello schieramento.

R6 METZELER CUP ARRIVO GARA B (12 giri, km. 50,712): 1. Federici in 21’24”119 media 142,119 km/h; 2. Zanella a 4”385; 3. Fellegara a 5”164; 4. Vivi a 5”236; 5. Daina a 5”871; 6. Schirone a 6”752;

CLASSIFICA CAMPIONATO R6 METZELER CUP: 1. Russo punti 569; 2. Avanzi 560; 3. Paoloni 559; 4. Emili 444; 5. Poma 415; 6. Vigilucci 383;

R1 Leovince Cup
LA LEGGE DI PRATIKIRA – Maurizio Prattichizzo consolida il primato nella R1 Leovince Cup tornando al successo dopo la difficile giornata del Mugello (terzo posto). Il pilota lombardo, ex protagonista della Superbike nazionale, ha preso il comando delle operazioni al terzo giro, poi ha spinto al massimo lasciando sul posto gli avversari. Prattichizzo aveva già fatto la differenza a Vallelunga e Monza. Ugo Laudati (Celestini) resta secondo in campionato ma il suo ritardo sale a dieci punti: il pilota laziale è arrivato terzo pagando dazio anche all’ottimo Franco Zenatello, velocissima wild card fuori classifica. La top 5 è completata da Sanca (Perego), Graziano Laudati (Celestini). Rubino, quinto al traguardo, è stato squalificato per irregolarità tecnica. Non decolla invece Sebastiano Zerbo (Motopiù): il pluricampione della Yamaha R Series Cup si è dovuto accontentare del sesto posto.

MAURIZIO PRATTICHIZZO – “Questa volta è andato tutto come volevo. Ho studiato gli avversari per un paio di giri, poi sono andato. Per alcuni giri ho tirato come un pazzo perché convinto di avere Ugo Laudati alle spalle, invece non era tanto vicino. Mi sono proprio divertito. Ringrazio la squadra e la concessionaria Fratelli Maggi: al Mugello avevamo avuto problemi al motore, ma in pochi giorni hanno rimesso tutto in ordine. Splendidi!”

R1 LEOVINCE CUP ARRIVO (12 giri, km. 50,712): 1. Prattichizzo in 20’31”604 media 148,232 km/h; 2. Zenatello a 4”131; 3. Laudati Ugo a 8”912; 4. Sanca a 10”589; 5. Rubino a 14”908; 6. Laudati Graziano a 15”002;

CLASSIFICA CAMPIONATO R1 LEOVINCE CUP (dopo 4 round su 6): 1. Prattichizzo punti 99; 2. Laudati Ugo 89; 3. Manici 54; 4. Laudati Graziano 53; 5. Sanca 52; 6. Zerbo 49;

MISANO IN ROSA – Il quinto round della Yamaha R Series Cup è stato uno degli eventi top della “Weekend Rosa” che ha illuminato la riviera romagnola questo finesettimana. Il campionato monomarca di Yamaha Motor Italia è passato alla storia nel 2009 per il successo della fortissima Paola Cazzola nella gara A di Vallelunga. La pilotessa vicentina, 33 anni, impegnata nel Mondiale e nel CIV Supersport con la YZF-R6 della Yamaha Elle Due Ciatti, ha posato insieme alle due girl impegnate nella Yamaha R Series Cup 2010: Romana Fede, 28 anni, e Alessia Falzoni, 24. Nelle qualifiche di Misano la Fede ha centrato per prima volta in stagione la qualificazione in gara A realizzando il 40° tempo. La Falzoni ha firmato il 53° tempo ed è partita in quarta fila nella gara B.

IL SALUTO DI PAOLA – “Il trionfo di Vallelunga è stato un bel colpo, per me, ovvio, ma anche per il “movimento rosa”: ho dimostrato che non ci sono limiti per le ragazze in moto, possiamo vincere dovunque e contro chiunque! Ho un solo rammarico, aver vinto sul bagnato. Perché, ne sono sicura, avrei fatto la differenza anche se fosse stato asciutto. Adesso tocca a Romana e Alessia, che seguo con simpatia. Non ho consigli particolari da dare loro, a parte uno: continuate a darci dentro!”

SPONSOR TECNICI: LA VALTER MOTO – La Yamaha R Series Cup ha una nutrita serie di sponsor tecnici che offrono in pista un insostituibile supporto ai piloti e alle squadre. La Valter Moto è presente dal 2003: l’azienda è leader Mondiale della produzione di accessoristica (pedane, cavalletti, ect), ha sede a Carate Brianza ed occupa 22 persone. “Dare supporto ai circa cento piloti della Yamaha R Series Cup è un compito difficile ma molto gratificante” spiega il responsabile Roberto Mauri. “Siamo in circuito dal giovedi alla domenica: nel primo round offriamo un servizio di personalizzazione della posizione delle pedane, in quelli successivi ci occupiamo della fornitura e del montaggio in caso di incidente o rotture. Il livello tecnico del campionato monomarca Yamaha è molto alto, per cui i piloti hanno spesso bisogno di consigli e di adattare la pedana al loro stile di guida. Da Valter Moto trovano tutto quello che serve.” L’azienda lombarda supporta anche le squadre satellite di Yamaha Motor Italia impegnate nel CIV Stock 600, Supersport e Stock 1000.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©