Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Yamaha R125 Cup 2010: Luca Savio trionfa a Binetto


Yamaha R125 Cup 2010: Luca Savio trionfa a Binetto
01/06/2010, 20:06

Binetto (BA), 1 giugno 2010 – Colpi di scena, soprattutto nella prima finale rendono sempre più indeciso il secondo Trofeo Yamaha R125 Cup, che a Binetto, domenica 30 maggio, è arrivato al giro di boa con pochi punti fermi: la crescita esponenziale del livello dei ragazzi in pista, dove spariscono i doppiati che si vedevano lo scorso anno e una strana allergia alle cronometrate da parte di alcuni piloti (Furini?) che a fine weekend si trovano sui gradini alti del podio.
Lo sa bene Luca Savio, partito sempre male quest’anno, oggi dal nono posto, ma che è riuscito a salire per la prima volta sul gradino alto del podio tra i rookie, complice anche il problema tecnico che ha costretto al ritiro il vero mattatore del weekend, Albert Pala, autore di pole e vincitore assoluto di gara 2. Luca ha recuperato alla grande in entrambe le gare e alla fine ha preceduto sul podio il sempre più concreto Luca De Rosa e Manuel Colucci, che si è fatto notare fin dalle cronometrate.
Alfredo Galliani centra la prima vittoria tra gli Open, dopo l’ennesima bagarre con Furini, penalizzato di 30 secondi in gara 1 per una falsa partenza dal tredicesimo posto in griglia e comunque secondo sul podio e davanti a Michael Sottura, giunto terzo oggi e sempre in lotta per la vittoria assoluta nella sua classe. Chi sui lecca le ferite a fine giornata dopo una sabato da incorniciare è Sami Elmessii, allergico invece alle partenze ma autore di un recupero memorabile in gara 2, finito però sul più bello con una scivolata al tornantino, mentre stava infilandosi nella lotta per un possibile podio.
Primo successo anche per Ylenia Scibetta, che ha trovato la condizione ideale fin dalle prove di domenica, quando ha cominciato a mettere in riga le altre 4 avversarie, a cominciare dalla Solcati, giunta a pari punti e seconda sul podio a fine giornata. Sul podio anche Sofia Santacroce che non nasconde l’ambizione a salire sul gradino più alto. Sotto tono rispetto al solito Ilena Fackl, ritiratasi in gara 2.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©