Sport / Calcio

Commenta Stampa

Mazzarri: "Non fidiamoci della Juve"

Zaccheroni: "Al San Paolo senza paura"


Zaccheroni: 'Al San Paolo senza paura'
24/03/2010, 14:03

NAPOLI - Domani sera sarà di scena al San Paolo il big match della 30esima giornata di campionato. Il faccia a faccia tra il Napoli e la Juventus. In un San paolo che farà da cornice perfetta (previsto il tutto esaurito) le due formazioni cercheranno punti validi per la scalata all’Europa.
La Vecchia Signora vuole uscire dalla crisi e il suo tecnico, Alberto Zaccheroni, vuole esorcizzare l’effetto sconfitta.
La squadra deve avere tensione positiva e giocherà senza paura – ha dichiarato l’allenatore - Anche se non siamo al top. Quando si perde si tende a pensare in negativo, ma bisogna trovare subito l'equilibrio psicologico e ripartire. Sono ancora convinto che potremo arrivare quarti. Stiamo facendo tutto il possibile e a Napoli venderemo cara la pelle”.
"Gli azzurri sono una squadra composta da molti giocatori veloci e resistenti - ha proseguito - Costruiscono gran parte della classifica in casa e ora sono in buon momento. Noi risponderemo con le nostre armi".
Tanti i problemi di formazione: “Quello di Sissoko non è un infortunio ma qualcosa di più importante. il ragazzo deve sentirsela, io non lo spingo. Iaquinta ha problemi che verificheremo. Poi c'è da valutare Buffon, ma l'orientamento è quello di aspettare ancora un po'. Del Piero? Le risposte erano positive a andiamo avanti nel programma".
Dall’altra parte un Napoli che vuole ripetere la buona prestazione fatta a San Siro contro il Milan, ma con i tre punti. “Abbiamo già vinto all'andata – ha sottolineato Mazzarri nel corso della conferenza della vigilia- e dal punto di vista emotivo, è stata importante. E' una sfida di grande fascino. Io ai giocatori dico ciò che penso, di stare attenti, di non fidarsi della Juve, perché il valore dei giocatori bianconeri è tale che se noi sbagliamo qualcosa può succedere di tutto. A Milano ci sono state un paio di novità importanti, una, Campagnaro a sinistra, dettata dai giocatori che avevo a disposizione, l’altra, il Pocho punta centrale con Quagliarella che taglia da sinistra, per dare un po’ di imprevedibilità alla nostra manovra. Credo che quest’ultima si possa ripetere giovedì”

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©