Sport / Calcio

Commenta Stampa

L'episodio avvenuto il 14 marzo scorso

Zarate (Lazio) deferito per aver fatto il saluto romano


Zarate (Lazio) deferito per aver fatto il saluto romano
05/08/2010, 17:08

ROMA - L'attaccante argentino della Lazio Mauro Zarate è stato deferito alla Commissione Disciplinare per essere stato ripreso in alcune fotografie con il braccio teso nel saluto romano. I fatti risalgono al 14 marzo scorso, durante Bari-Lazio. Zarate, allora squalificato, andò con i tifosi della Lazio in tribuna e seguì la partita con loro. E ci sono alcune foto che lo ritraggono mentre insieme a tutti gli altri tifosi ha il braccio teso. Secondo il Procuratore federale Stefano Palazzi, questo è una violazione dei "doveri di lealtà sportiva"; per responsabilità oggettiva è stata deferita anche la società.
Il che a livello formale non fa una piega. C'è da chiedersi quanto l'attaccante argentino sia consapevole del messaggio pollitico che si nasconde in quel gesto o se l'abbia considerato un semplice gesto facente parte della normalità del tifo. Si sa che buona parte della tifoseria laziale è fascista e che allo stadio mischia cori da stadio a cori politici di estrema destra. Ma quanto di questo è a conoscenza di Zarate?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati