Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL COLOMBIANO E' RINATO

Zuniga, da oggetto misterioso a soldato obbediente


Zuniga, da oggetto misterioso a soldato obbediente
09/04/2011, 12:04

Sembrava l’oggetto misterioso del Napoli, l’acquisto incomprensibile, uno spreco di soldi.
Sembrava, appunto. Oggi, invece, Camilo Zuniga ha smesso di sembrare ed ha iniziato, da alcuni mesi, ad essere.
“Ma come ha fatto Marino a pagarlo 8 milioni di euro” hanno detto in tanti per lungo tempo. Ma adesso, per sua fortuna, le cose sono cambiate: il pubblico napoletano ha cominciato ad apprezzarne le doti e la duttilità.
Mazzarri, va detto, ha sempre avuto fiducia nel colombiano, schierandolo spesso e volentieri, anche fuori ruolo, anche quando non era al meglio. Camilo, dopo alcune evidenti difficoltà, ha iniziato a ripagare la fiducia incondizionata del tecnico toscano, offrendo prestazioni sempre più convincenti.
Le sue qualità atletiche, a lungo rimaste in ombra neanche fossero offuscate dal Vesuvio, sono finalmente venute fuori. Le sue prove, che al Siena erano sempre state ottime, hanno cominciato ad essere caratterizzate da una certa continuità di rendimento.
Merito suo, ma soprattutto di Mazzarri, bravo a credere in lui anche quando, forse, non lo faceva più nessuno. La condizione fisica, senza dubbio, ha giocato un ruolo determinante, ma la testardaggine dell’allenatore, che ne ha intravisto le doti anche nei momenti bui, ha probabilmente fatto la differenza.
Adesso, che il Napoli si appresta ad affrontare il finale di stagione, Mazzarri ha bisogno di tutti, nessuno escluso. Tantomeno può rinunciare ad un jolly prezioso come Zuniga, chiamato a dare il suo contributo da qui al termine del campionato.
Muscoli tirati a lucido e polmoni carichi: Camilo è pronto. A Bologna, mancherà Cavani ed il suo allenatore sembra orientato a dare una chance al colombiano.
Zuniga, dal canto suo, non farà domande: che il generale Mazzarri lo schieri a sinistra o a destra, in attacco o sulla trequarti, lui non farà problemi e si comporterà da bravo ed obbediente soldatino.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©