Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE GAZZETTA.IT

"Zuniga, la più grande vittoria di Mazzarri"


'Zuniga, la più grande vittoria di Mazzarri'
29/12/2011, 11:12

Juan Camilo Zuniga sta trascorrendo le vacanze di Natale a Napoli. Da poco è nata la sua prima figlia, Sofia, e così Zuni, come lo chiamano tutti a Castelvolturno, non ha fatto ritorno in Sudamerica. Del resto, lui ormai da queste parti si sente a casa: “Fa più caldo qui che in Colombia”, ha sottolineato spesso Camilo.
Jolly sulle fasce — La sua avventura nel Napoli non era affatto cominciata bene. Nella gestione Donadoni, Zuniga aveva trovato molte difficoltà. Provato a sinistra a San Siro contro l'Inter fu asfaltato da Maicon, poi l'avvento di Mazzarri ha cambiato la sua storia e quella del Napoli. “Mi ha sempre dato fiducia – ha ribadito Zuniga – ed io ho cercato di ripagarlo, con lui sono cresciuto molto”. In effetti, il colombiano è diventato un “titolarissimo” aggiunto proprio in virtù della sua duttilità tattica. Gioca alternativamente su entrambe le corsie e sin qui ha totalizzato già 13 presenze in campionato. Sostituisce, a seconda dei casi, sia Maggio che Dossena, ma addirittura lo scorso anno è stato spesso impiegato da Mazzarri nel tridente d'attacco: “E' il giocatore che mi ha dato maggiori soddisfazioni da quando sono a Napoli – ha detto il tecnico toscano – perché è quello che nella mia gestione è migliorato di più”.
Migliorato in zona gol — Merito, anche, del lavoro svolto con Zuniga dal vice allenatore Frustalupi, che in allenamento lo ha seguito per lunghi mesi come un ombra. Grazie a lui, Camilo è cresciuto anche in zona gol. “Quando segnerà lui, mi butterò in mezzo al campo” aveva detto Mazzarri lo scorso anno prima che Zuniga andasse in rete contro il Catania (1-0) e poi con l'Inter (1-1, gol che ha regalato la Champions al Napoli). Prima di Natale, Zuniga ha fatto tris contro il Genoa: “Un gol dedicato a mia figlia ed a mia moglie”, con la quale spesso dà vita ad accese sfide di playstation: “Faccio tante finte anche lì”, dice chiudendo con un sorriso.
FONTE: Gianluca Monti per Gazzetta.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©