Giudiziaria - Notizie di Cronaca - JulieNews

Cronaca / Giudiziaria

Spara dal terrazzo contro un operaio immigrato e lo ferisce alla schiena
27/07/2018, 16:39

"Volevo sparare al piccione", la sua giustificazione

Spara dal terrazzo contro un operaio immigrato e lo ferisce alla schiena

CASSOLA (VICENZA) - Ancora una volta, la settima in un mese, un immigrato viene ferito da un'arma ad aria compressa maneggiata da un italiano. Questa volta è successo a Cassola, in provincia di Vicenza. Un 40enne, di cui non sono state rese note le generalità, ha impugnato la sua carabina ad aria compressa e ha sparato nella schiena di un operaio originario dell'Isola di Capoverde che lavorava come ...

Riconosciuta l'aggravante di aver usato la droga

Milano: drogarono e violentarono 22enne, condannati a 12 anni

24/07/2018, 09:24 -
MILANO - Due condanne a 12 anni di reclusione e una condanna a 8 anni e mezzo di reclusione: questa la sentenza del Tribunale di Milano contro tre persone accusate di aver drogato e violentato una 22enne. Secondo la ricostruzione uscita dal processo, Marco Coazzotti, Mario Caputi (che hanno avuto la condanna più alta) e Guido Guarnieri avvicinarono una 22enne in un locale di via Crema, a Milano. Tra una battuta e un drink, uno dei tre fece scivolare nel drink della ragazza delle benzodiazepine, un farmaco che provoca stordimento e perdita delle inibizioni. Dopo di che la ...

Francia: cittadina italiana condannata per aver aiutato dei migranti

20/07/2018, 18:33 -
AIX EN PROVENCE (FRANCIA) - Francesca Peirotti, cittadina cuneese di 31 anni, è stata condannata da un tribunale francese a 6 mesi di reclsuione. L'accusa è di favoreggiamento all'immigrazione clandestina. La sua colpa è stata quella di aver trasportato 8 persone richiedenti asilo, tra cui un neonato, in Francia, per permettergli di riunirsi ai familiari. La ragazza, attivista dei diritti umani, usò un mezzo con il logo della Croce Rossa, ma venne fermata ugualmnete dalla polizia francese, che poi la denunciò per il reato per cui è stata condannata. In primo grado la Peirotti era stata condannata solo ad una multa di 1000 euro, ma in appello la magistratura ha deciso di rendere la pena più ...

Secondo i suoi legali, si tratterebbe di un atto dovuto

Il Ministro Paolo Savona indagato per usura bancaria

20/07/2018, 16:46 -
CAMPOBASSO - Il Ministro per gli Affari Comunitari Paolo Savona è indagato dalla Procura di Campobasso con l'accusa di usura bancaria, insieme ad altre 22 persone. I fatti risalgono a quando Savona era ai vertici dell'Unicredit. Tuttavia dai suoi avvocati è trapelata la notizia che l'iscrizione è un atto dovuto, dato il ruolo che aveva Savona all'epoca; ma lui non aveva alcun potere sui tassi di interesse, che sono quelli che sono stati manipolati verso l'alto per far scattare il reato. Questo sarebbe dimostrato anche dal fatto che i 22 indagati sono tutti i ...

Durissime le motivazioni della sentenza

La trattativa Stato-mafia accelerò la morte di Paolo Borsellino

19/07/2018, 18:55 -
PALERMO - Sono state depositate le oltre 5000 pagine che costituiscono le motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato mafia, che ha visto il 20 aprile scorso pesanti condanne: 28 anni per il boss Leoluca Bagarella, 12 anni per gli ex generali del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, 12 anni per l’ex senatore Marcello Dell’Utri, 8 anni per l’ex colonnello Giuseppe De Donno, 8 anni per Vito Ciancimino. Ci vorrà tempo per esaminare tutti i dettagli. Ma una cosa è balzata subito agli occhi. La convinzione dei giudici, in base ...

Tra le accuse, una truffa da 320 milioni

Metro C, si prepara processo per 25 persone, tra cui l'ex sindaco Alemanno

19/07/2018, 18:33 -
ROMA - La Procura della Repubblica di Roma si prepara a chiedere il rinvio a giudizio per 25 persone, nell'ambito delle indagini sulla metro C di Roma. I reati contestati vanno dalla truffa per 320 milioni alla corruzione e al falso. Gli episodi principali sono soprattutto due. Il primo riguarda l'accordo del 2011, al seguito del quale lo Stato, il Cipe, la Regione Lazio e il Comune di Roma pagarono 230 milioni di euro per far ripartire i lavori; soldi che secondo la procura non erano dovuti, ma che gli accusati si sarebbero procurati con documenti falsi. Stessa cosa ...

Infranta una prassi che durava dal 1948

Salvini querela Saviano su carta intestata del Ministero dell'Interno

19/07/2018, 18:04 -
ROMA - Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha presentato una querela contro lo scrittore e giornalista Roberto Saviano. Il reato contestato è quello della diffamazione a mezzo stampa. Il riferimento è ad una serie di dichiarazioni e di articoli, per esempio quella in cui Saviano lo chiama ministro della malavita (adattando una espressione di Gaetano Salvemini indirizzata Giovanni Giolitti) oppure quella in cui Saviano paventa la possibilità che la decisione di Salvini di togliergli la scorta sia una ritorsione per le dichiarazioni ...

Ma la Lega sta per salvare Belsito

Processo Bossi-Belsito: la Procura chiede conferma delle condanne

18/07/2018, 10:53 -
GENOVA - E' alle battute finali il processo d'appello contro la dirigenza della Lega Nord per appropriazione indebita e altri reati relativi ai rimborsi elettorali indebitamente usati tra il 2008 e il 2010. Il Procuratore generale ha chiesto la conferma del sequestro dei 49 milioni contestati. Per le pene detentive invece il Pg ha chiesto delle pene inferiori rispetto a quelle di primo grado, dato che alcuni reati sono andati in prescrizione. E così per Umberto Bossi sono stati chiesti 1 anno e 10 mesi, mentre in primo grado è stato condannato a 2 anni e mezzo; due ...

Sentenza del Tribunale del Riesame

I giudici confermano a livello locale il sequestro dei 49 milioni della Lega

18/07/2018, 10:35 -
FIRENZE - Il sequestro dei soldi che la Lega deve allo Stato può essere fatto anche a livello locale, dato che c'è continuità legale tra il livello regionale e quello nazionale. Come è confermato dallo Statuto del partito, dove c'è scritto che la Lega, a livello regionale, accetta tutti i rapporti giuridici che riguardano la Lega a livello nazionale. Con queste motivazioni, il Tribunale del Riesame di Firenze ha confermato il sequestro di 16 mila euro fatto nei confronti della Lega Toscana, come parte dei 49 milioni che la Lega deve restituire a ...

Con lui, anche la compagna, il cognato e il suocero

Gianfranco Fini rinviato a giudizio per riciclaggio

17/07/2018, 10:47 -
ROMA - L'ex leader di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini è stato rinviato a giudizio dal gup di Roma. L'accusa riguarda numerosi episodi, tra qui quello relativo alla casa di Montecarlo ricevuta in eredità dalla Contessa Annamaria Colleoni e poi finita nella disponibilità del cognato di Fini, Giancarlo Tulliani. Nello stesso processo sono stati rinvuiati a giudizio anche la compagna di Fini, Elisabetta Tulliani, il vognato Giancarlo e il suocero, Giancarlo. Rinviato a giudizio anche Francesco Corallo, considerato il re delle slot machines. I fatti ...

Altre notizie

Cerca notizia