Cronaca / Giudiziaria

Perugia: Il Pm trasforma l'accoltellamento in una rissa tra Casapound e Pap
19:26

Denuncia presentata dal partito di estrema destra

Perugia: Il Pm trasforma l'accoltellamento in una rissa tra Casapound e Pap

PERUGIA - L'accoltellamento di un militante di Potere al Popolo, avvenuta due sere fa, è diventata una rissa, per la Procura di Perugia, che sta indagando sull'episodio. E questo a seguito della denuncia presentata da Casapound, in giornata. Una versione identica e speculare rispetto a quella raccontata dai militanti aggrediti di Potere al Popolo. Cioè secondo la denuncia, tre militanti di ...

L'ex premier accusa l'ex moglie di essere troppo avida

Botta e risposta tra Berlusconi e la Lario sul divorzio

17:51 -
MILANO - Botta e risposta tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario sul loro divorzio. E' cominciato ieri, quando il primo è stato intervistato da Lili Gruber durante la trasmissione "Otto e mezzo". Ad un certo punto, parlando del divorzio, Berlusconi ha affermato: "Le ho detto che non mi doveva niente, mentre la signora su consiglio del suo terribile avvocato ha voluto fare ricorso". A stretto giro di posta, è arrivata la risposta della Lario all'Ansa: "Non è vero che il mio ex marito, Silvio Berlusconi, mi ha detto di essere disponibile a ...

La decisione apre una possibilità all'eutanasia

Processo Cappato: gli atti alla Consulta per il reato di assistenza al suicidio

15/02/2018, 16:33 -
MILANO - Alla fine, il Tribunale di Milano ha deciso di non decidere sulla vicenda di DjFabo, morto in una clinica svizzera perchè non sopportava più la sua condizione di tetraplegico ingabbiato nel suo corpo. Per quella vicenda è sotto processo il radicale Marco Cappato, che l'ha accompagnato in Svizzera, per il reato di assistenza al suicidio. Dopo cinque ore di Camera di Consiglio, i giudici hanno assolto Cappato dall'accusa di aver rafforzato le idee suicide di DjFabo e hanno mandato gli atti alla Corte Costituzionale affinchè decida se è ...

Ci sarebbero state altre denunce contro di lui

Il regista Fausto Brizzi è indagato per molestie sessuali

14/02/2018, 10:34 -
ROMA - Se ne parlava da tempo, ma adesso è ufficiale: Fausto Brizzi, regista di film come "Notte prima degli esami", è indagato dalla Procura di Roma per molestie sessuali. Ci sarebbero state denunce di attrici e aspiranti tali sui comportamenti illeciti di Brizzi. Lo scandalo molestie scoppiò qualche mese fa, contemporaneamente a quello che ha riguardato il produttore statunitense Harvey Wienstein. Ma le prime denunce sui giornali si riferivano a fatti molto vecchi, già finiti in prescrizione, come quelli raccontati da Clarissa Marchese e da ...

Per il Gip evidente il desiderio sessuale

"Sei sempre nel mio cuore": la lettera del tramviere alla sua vittima

13/02/2018, 09:40 -
MILANO - Cosa pensare di una lettera che dice: "Ciao bimba sai che tvb. E ci tengo un casino a te! Ti giuro e te lo scrivo, sei dentro al mio cuore. A stasera"? Questa lettera è stata scritta da Alessandro Garlaschi, il 39enne tramviere milanese che qualche giorno fa ha ucciso con oltre 40 coltellate la 19enne Jessica Valentina Faoro. Il biglietto, trovato a casa sua durante la perquisizione, è tra le prove che il Pubblico Ministero ha presentato al Gip per chiedere la conferma dell'arresto e della detenzione in carcere. Una richiesta che il Gip ha ...

Ma la Procura di Macerata precisa che non è un fermo

Milano: bloccato un nigeriano per l'omicidio di Pamela

09/02/2018, 18:47 -
MILANO - La Polizia di Milano ha bloccato, su indicazione dei colleghi di Macerata, un nigeriano, di cui non è stata diffusa l'identità, per essere interrogato sulla morte di Pamela Mastropiero, la 18enne di Macerata fatta a pezzi dopo la morte e infilata in due trolley. La Procura di Macerata ha specificato - dopo che le prime notizie parlavano di un fermo - che si tratta solo della necessità di interrogare una persona, ma non di un fermo. E ha aggiuntoche sono state interrogate diverse persone di nazionalità nigeriana, nell'ambito di quella indagine, ...

In totale 4 condanne e 8 assoluzioni e prescrizioni

Appalti G8, assolto Bertolaso, condannati Balducci e Anemone

08/02/2018, 17:05 -
ROMA - Finisce con quattro condanne e 8 tra assoluzioni e prescrizioni il processo sugli appalti per il G8. I condannati sono l'ex presidente del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici Angelo Balducci a 6 anni e 6 mesi; l'imprenditore Diego Anemone a 6 anni (entrambi per associazione a delinquere); l'ex generale della Guardia di Finanza Francesco Pittorru a 4 anni per corruzione; e per lo stesso reato l'ex provveditore delle opere pubbliche della Toscana Fabio De Santis a 4 anni e mezzo. Assolti invece - tra gli altri - l'ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, l'ex ...

I tre violentarono una turista e una trans

Rimini: 9 anni di carcere a tre minorenni per stupro

08/02/2018, 16:46 -
RIMINI - Il Gup del Tribunale dei Minori di Rimini ha condannato a 9 anni e 8 mesi tre minorenni (due fratelli marocchini di 15 e 17 anni e un nigeriano di 16 anni) per due episodi di stupro avvenuti a Rimini nell'agosto scorso. I tre, insieme al congolese di 20 anni Guerlin Butungu (già condannato a 16 anni di reclusione), aggredirono e stuprarono una turista polacca e una trans peruviana. Inoltre picchiarono il compagno della turista polacca e aggredirono, in un'altra occasione, un'altra coppia, sempre a Rimini. Tutti e tre gli imputati avevano chiesto il rito ...

Incostituzionalità della legge per le prostitute volontarie

Processo Escort a Berlusconi: atti alla Consulta per la legge Merlin

07/02/2018, 11:11 -
BARI - Il processo di appello per le escort che Gianpiero Tarantini e Sabina Began portavano nella villa in Sardegna di Silvio Berlusconi è stato sospeso. I giudici infatti hanno accolto la richiesta della difesa di mandare agli atti alla Corte Costituzionale per la costituzionalità della legge Merlin, quella che negli anni '50 abolì le case chiuse. Secondo i legali, infatti, la legge è incostituzionale nella parte in cui non considera il caso in cui una donna decide di prostituirsi volontariamente. Come nel caso delle donne portate a Berlusconi, ...

Confermata la detenzione in carcere

Traini: "Non mi pento. Volevo sparare agli spacciatori neri"

07/02/2018, 09:10 -
MACERATA - Il Gip ha confermato la validità dell'arresto e la custodia in carcere per Luca Traini, accusato di strage aggravata dai motivi razziali, per aver sparato a 11 persone di colore, ferendone sei (più altre due che hanno chiamato l'ambulanza, ma non si sono fatti trovare, forse perchè irregolari). Davanti al Gip, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma sembra che abbia detto al Pubblico Ministero, dopo l'udienza, che non si pente di ciò che ha fatto e che intendeva sparare ai "neri che spacciano droga a Macerata". Da ...

Altre notizie