Cronaca / Sangue

Siracusa: ventenne uccisa con numerose coltellate. Il compagno confessa
19/03/2018, 09:44

Il corpo è stato buttato in un pozzo per nasconderlo

Siracusa: ventenne uccisa con numerose coltellate. Il compagno confessa

CANICATTI' BAGNI (SIRACUSA) - E' stato risolto in 24 ore il mistero della morte di Laura Petrolito, la ragazza di 20 anni di Canicattì Bagni, in provincia di Siracusa, trovata morta in un pozzo. Sul suo corpo, segni di numerose coltellate; dopo di che il cadavere era stato gettato in un pozzo per nasconderlo. Cosa riuscita non troippo bene, dato che alcune travi sporegnti avevano impedito che il corpo ...

ha detto che voleva suicidarsi ma ha cambiato idea

Firenze: 63enne uccide a sangue freddo un immigrato

05/03/2018, 14:53 -
FIRENZE - Un senegalese di 54 anni è stato trucidato oggi a Firenze, sul ponte Vespucci. Il colpevole è Roberto Pirrone, 65 anni. Fermato da una pattuglia dell'esercito, l'uomo avrebbe raccontato di essere uscito di casa per uccidersi con la sua pistola. Poi ha cambiato idea e ha deciso di uccidere qualcuno per finire in galera e non gravare economicamente sulla figlia. Prima ha ncrociato una famiglia, e ha deciso di desistere. Ma quando ha visto l'immigrato senegalese non ha avuto nessuno scrupolo nello sparargli contro sei proiettili da pochi metri di distanza. Il ...

Era stato dichiarato lo stesso idoneo al servizio

Strage di Latina: l'assassino aveva rifiutato il sostegno psicologico

01/03/2018, 16:40 -
LATINA - Man mano che si va avanti, si scoprono altri dettagli su Luigi Capasso, il carabiniere che ieri ha sparato alla moglie e ucciso le due figlie di 8 e 12 anni, prima di suicidarsi. In particolare, si è saputo che la moglie aveva più volte denunciato il martito per le sue continue violenze in casa. Aveva anche chiesto protezione per le bambine, perchè temeva che il marito facesse loro del male. Ma è stato tutto inutile: la divisa da Carabiniere ha protetto Capasso dagli strali della legge. Inoltre si è saputo che, dopo la ...

Si stavano separando ma lui non lo accettava

Latina: Carabiniere spara alla moglie e alle figlia e poi si suicida

28/02/2018, 15:40 -
CISTERNA (LATINA) - Un appuntato dei Carabinieri, di cui non è stato reso noto il nome, ha sparato alla moglie ed ora è barricato in casa, tenendo in ostaggio le figlie. I colleghi intervenuti stanno cercando di convincerlo ad arrendersi. I fatti non sono del tutto chiari. L'uomo è di Cisterna di Latina ma era in servizio a velletri. Era in fase di separazione con la moglie, ma era una separazione che, in base a quanto si sa, lui non accettava. L'unica cosa che si sa è che, smontato dal turno, è tornato a casa e ha sparato alla moglie con ...

Un altro è stato ferito alla testa

Perugia: accoltellato un militante di Potere al Popolo

21/02/2018, 11:05 -
PERUGIA - Un agguato è stato teso ieri sera a due militanti di Potere al Popolo alla periferia di Perugia. I due stavano attaccando manifesti, quando sono stati circondati da alcune persone. Uno degli aggressori ha usato un coltello per colpire tre volte uno dei militanti, mentre l'altro è stato colpito alla testa da una bastonata. Qualcuno ha chiamato il 113, ma quando i poliziotti sono arrivati non hanno trovato nessuno. Infatti le ferite erano abbastanza lievi e quindi i due sono andati da soli all'ospedale per farsi medicare e sono stati poi ...

Arrestati i due colpevoli

Cagliari: ucciso a calci e pugni in un parco giochi per bambini

14/02/2018, 09:58 -
CAPOTERRA (CAGLIARI) - Una aggressione violenta, spietata, davanti a decine di testimoni. E' morto così il 56enne Vincenzo Crisponi. Mentre stava attraversando in scooter il parco giochi di Capoterra, comune in provincia di Cagliari, Crisponi è stato fermato da due persone, che l'hanno accusato di averli investiti con lo scooter. E' cominciata una discussione che è presto sfociata in una aggressione fisica, con pugni, schiaffi e calci. Hanno anche rovesciato lo scooter sul corpo di Crisponi, prima di andarsene. A quel punto le persone hanno chiamato i Carabinieri e le ...

Una violenza inarrestabile

Pugile picchia la compagna, i passanti che la difendono e 4 poliziotti

12/02/2018, 10:03 -
MILANO - Un italiano di 32 anni, pugile, è stato arrestato a Milano con l'accusa di lesioni contro svariate persone. Tutto è iniziato nel bar The Green, dove l'uomo era con la compagna. Per ragioni non ancora note, tra i due è scoppiata una lite, e l'uomo ha cominciato a picchiarla. La ragazza è riuscita ad uscire fuori dal locale, inseguita dal pugile. Alcuni passanti, vedendo la scena, hanno cercato di intervenire per farlo ragionare, ma il pugile ha colpito anche loro. Nel frattempo è stata chiamata la Polizia, che è ...

Ha tentato di bruciarne il corpo e poi di nasconderlo

Milano, il tranviere accusato di omicidio: "Lei mi ha aggredito"

08/02/2018, 17:32 -
MILANO - Alessandro Garlaschi, il tranviere milanese accusato di aver ucciso la 19enne Jessica Valentina Faoro con 10 coltellate, ha parzialmente confessato il delitto nell'interrogatorio sostenuto prima di entrare in carcere. Garlaschi ha infatti detto che è stata lei ad aggredirlo e che lui si è solo difeso. In realtà, l'autopsia ha rivelato una cosa diversa. Le numerose ferite sulle mani dimostrano che la ragazza ha cercato di difendersi dalle coltellate, non riuscendovi. Intanto si vengono a scoprire particolari raccapriccianti. Dopo l'omicidio l'uomo ...

La donna è in condizioni gravi, ma non rischia la vita

Accoltella la convivente e rapisce la figlia. Arrestato

04/01/2018, 18:05 -
ALTAVILLA VICENTINA (VICENZA) - E' durata meno di 24 ore la fuga di Raffaele Busiello, il 38enne macellaio di Altavilla Vicentina, in provincia di Vicenza, che ha accoltellato la convivente moldava 37enne e poi è fuggito con la figlia di 6 anni. Busiello ha avuto un incidente stradale a Bagnolo San Vito, in provincia di Mantova. La macchina era rimasta troppo danneggiata per potersi muovere e quindi quando sono arrivati i Carabinieri per i rilievi l'hanno trovato lì. E uno di loro l'ha riconosciuto e arrestato. Ora dovrà rispondere di tentato omicidio e di sequestro di ...

La vittima è un turista spagnolo cinquantenne

Firenze: cade capitello nella Basilica, muore turista

19/10/2017, 17:36 -
FIRENZE - Incidente mortale oggi nella Basilica di Santa Croce a Firenze. Verso le 14.30 un capitello si è staccato da una colonna dall'altezza di 20 metri ed è caduto sulla testa di un turista spagnolo cinquantenne che stava visitando la Basilica. Il pezzo è in pietra ed è grande 15 centimetri per 15. Immediatamente è stato chiamato il 118, i vigili del fuoco e la Polizia, ma ormai non c'era niente da fare. I medici hanno potuto solo constatare il decesso dell'uomo, mentre i vigili hanno iniziato le indagini sulla stabilità strutturale ...

Altre notizie