Cronaca / Soldi

Scadono i brevetti di 13 farmaci, via libera ai generici
16/10/2017, 10:18

Tra questi il più famoso è il Cialis

Scadono i brevetti di 13 farmaci, via libera ai generici

Buone notizie per i portafogli degli italiani che non godono di buona salute: entro la fine dell'anno scadranno i brevetti di 13 farmaci. Cosa che consentirà alle case farmaceutiche di mettere sul mercato il farmaco generico equivalente. Tra questi 13, il più famoso è il Cialis, usato per combattere la disfunzione erettile al pari del Viagra. E da ora, si potrà pagare la metà ...

Spostavano falsamente la residenza ad Amatrice

Terremoto: 120 indagati per truffa ai danni dello Stato

26/09/2017, 11:33 -
RIETI - La procura di Rieti ha indagato su un certo numero di persone che hanno cercato di truffare lo Stato. Ben 120 persone sono indagate per una truffa iniziata all'indomani del terremoto che ha devastato l'Italia centrale nel 2015. Si tratta di persone abitanti a Roma che hanno trasferito la propria residenza falsamente ad Amatrice o in qualche altro comune di quelli colpiti dal sisma. L'obiettivo era quello di chiedere poi alla Protezione Civile i soldi che spettano a chi ha perso la casa nel terremoto e ha bisogno di affittare un nuovo appartamento. Sono cifre che ...

120mila euro vinti a Napoli, 30mila ad Auletta (SA)

La Dea Bendata bacia la Campania: vinti 150 euro tra Lotto e 10eLotto

03/05/2017, 13:33 -
Nell'estrazione di ieri sera del Gioco del Lotto, un fortunato giocatore a Napoli ha vinto 120mila euro puntando 10 euro solo sulla quaterna. Il giocatore ha scelto i numeri 6, 15, 19, 71 optando per la ruota “Tutte” ed ha centrando la quaterna sulla ruota di Firenze. E' la vincita più alta di questo concorso.Non si è vinto solo a Napoli, ma anche in provincia di Salerno. E più precisamente ad Auletta, dove il "10eLotto" ha fatto guadagnare 30mila euro con una giocata da 1 euro. Il ...

Il sistema è stato lo stesso usato da Google e Apple

Gdf: Amazon ha evaso 130 milioni di euro in 5 anni

28/04/2017, 17:46 -
ROMA - La Guardia di Finanza ha accusato Amazon di aver evaso 130 milioni di euro di tasse in Italia. Il sistema utilizzato è stato lo stesso che ha permesso a Google e ad Apple di evadere rispettivamente 300 e 880 milioni di euro. Cioè tutti i guadagni fatti in Italia venivano trasferiti alla sede in Irlanda, dove le tasse pagate erano enormemente più basse. La cifra è stata calcolata sulla base delle transazioni fatte in Italia tra il 2009 e il 2014. Può sembrare poco, ma c'è da ricordare che il margine di guadagno di Amazon è ...

Colpa del design e della manifattura

Samsung: è ufficiale, le batterie erano la causa degli incendi del Galaxy Note 7

23/01/2017, 11:31 -
Le anticipazioni dei giorni scorsi hanno trovato una conferma ufficiale: gli incendi del Galaxy Note 7 della Samsung - che avevano costrettop la società a ritirare tutti i telefonini dal mercato - erano causati dalle batterie. In particolare, un errore di design e della manifattura delle batterie causavano il surriscaldamento e l'esplosione delle batterie stesse. L'errore faceva sì che le batterie non aderissero perfettamente nello spazio ricavato nel telefonino, determinando dispersioni e quindi calore. La Samsung ha quindi allestito un sistema di verifica delle ...

C'è un decimo indagato tuttora ricercato

Traffico di banconote false, 9 arresti -video

03/11/2016, 15:42 -
Vendevano banconote false a prezzi vantaggiosi e l'affare fruttava molti soldi. La Polizia di Stato, questa mattina, ha messo fine all'attività di un'organizzazione criminale con un'ordinanza di custodia cautelare a carico di nove persone. Due sono finite in carcere, cinque ai domiciliari, mentre altri due provvedimenti sono stati notificati ad altrettante persone che si trovavano già dietro le sbarre. E c'è un decimo indagato tuttora ricercato. L’accusa nei confronti delle 9 persone è di associazione per delinquere finalizzata alla spendita e messa in ...

Siamo tornati al 1800: niente diritti, solo schiavitù

Lavoro, ultima frontiera: italiani pagati col cibo

13/07/2016, 09:06 -
FIRENZE - Finalmente gli imprenditori italiani hanno ottenuto quello che volevano da decenni: hanno trasformato i lavoratori italiani in lavoratori della Cina, della Thailandia o di un altro dei tanti Paesi economicamente arretrati. Al punto che possono tranquillamente pagarli dando loro un pugno di riso (anche se tecnologicamente è stato trasformato in un buono pasto), senza che la legge li sanzioni. E' questa la tragica realtà che emerge da un articolo uscito oggi sul Tirreno. La denuncia viene dai sindacati di Firenze, ma si sa per esperienza che certe cose non ...

Si interviene sulle irregolarità relative ai redditi

Agenzia delle entrate, 7mila avvisi in Campania- Video

30/06/2016, 13:36 -
NAPOLI- Dai professionisti, agli agenti di commercio, agli imprenditori. Nessuno sfugge e tutti finiscono sotto la lente dell’Agenzia delle entrate. Imprenditori un po’ sbadati che magari hanno ceduto la propria azienda scegliendo la rateizzazione delle imposte nel modello Unico e poi hanno dimenticato, in un anno, di dichiarare all’Erario il reddito derivato dalla plusvalenza, o agenti di commercio che non hanno dichiarato tutti i loro proventi. Sono molti gli errori in cui possono incorrere i lavoratori dipendenti o autonomi, ma che si tratti dell’operato di ...

Coinvolti Carapelli, Bertolli, Sasso ed altri marchi

Antitrust, multa per 4 grandi marchi per il falso olio extravergine

28/06/2016, 17:54 -
ROMA - L'Antitrust ha multato alcune società perchè hanno messo in vendita olio di qualità diversa da quella dichiarata in etichetta. Sono stati inflitti 550 mila euro alla Primadonna, marchio del supermercato Lidl; 300 mila euro a testa alla Doleo (proprietaria dei marchi Sasso, Carapelli e Bertolli), alla Coricelli, alla Santa Sabina e alla Antica Badia, marchio del supermercato Eurospin. Per tutti l'accusa è di aver venduto olio vergine di oliva come olio extravergine, di qualità superiore e quindi con un prezzo più ...

Sospetti anche su alcune gare del Frosinone

Partite truccate: Pini non risponde -video

26/05/2016, 09:41 -
NAPOLI - L'ex calciatore dell'Avellino Luca Pini si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giocatore, convocato ieri al Palazzo di Giustizia ha preferito non dire nulla al gip Ludovica Mancini e al pm della Dda Maurizio De Marco. Pini, destinatario di una ordinanza agli arresti domiciliari, è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa e frode sportiva perché come raccontato da un esponente del clan Vanella Grassi, Antonio Accurso, avrebbe truccato almeno due gare dell'Avellino del campionato di serie B 2013/2014. Si tratta di ...

Altre notizie