Cultura e tempo libero / Archeologia

Germania: 13enne trova tesoro vichingo
17/04/2018, 11:15

Potrebbe essere dell'epoca di Harald "Dente Azzurro"

Germania: 13enne trova tesoro vichingo

ISOLA DI REUGEN (GERMANIA) - E' bello vedere un ragazzo che ha delle passioni, per quanto insolite. Come quella di Luca Malaschnittschenko, un ragazzo 13enne tedesco che ama cercare tesori archeologici con Ralf Schoen. I due, esaminando un campo nell'isola di Reugen con il loro metal detector, hanno trovato un pezzo che sembrava di alluminio. Invece, pulendolo ed esaminandolo bene, si è visto ...

Un errore ha tenuto in disparte un reperto eccezionale

"Questo sarcofago è vuoto". In realtà contiene i resti di una sacerdotessa

28/03/2018, 10:36 -
AUSTRALIA - Alle volte non conviene dar retta alle indicazioni. E' quello che hanno ricordato in Australia, dove oltre 150 anni fa vennero portati quattro sarcofagi egizi. Su uno di essi venne apposto il cartello "sarcofago vuoto". E così è stato tranquillamente ignorato. Fino ad un anno fa quando qualcuno ha voluto controllare, scoprendo che in realtà c'erano i resti di qualcuno. Ovviamente sono iniziati i controlli ed è stata trovata la mummia di una sacerdotessa del Tempio di Sekhmet, vissuta 600 anni prima di Cristo. Sono stati trovati anche i ...

Erbivoro, è vissuto tra i 66 e i 100 milioni di anni fa

Scoperti i resti di un nuovo dinosauro, lungo 10 metri

30/01/2018, 12:01 -
EGITTO - E' stato scoperto nel deserto del Sahara quello che rimane di un dinosauro mai visto prima. Si tratta di un dinosauro appartenente al gruppo dei titanosauri (che comprende per esempio anche il brontosauro), ed è vissuto tra i 100 e i 66 milioni di anni fa. Probabilmente, ci fu l'estinzione della specie insieme alle altre specie di dinosauri, avvenuta circa 65 milioni di anni fa. L'animale, di cui sono stati trovati pochi resti, aveva tutte le caratteristiche degli animali simili: erbivoro, corpo massiccio, collo allungato. ma rispetto ad altri animali era ...

Tour tematici tra storia e archeologia fino all'Epifania

Aspettando Capodanno al Maschio Angioino

28/12/2017, 22:22 -
Aspettando Capodanno al Maschio Angioino per scoprire la fortezza di piazza Municipio e i nuovi ambienti riportati alla luce per mano di Timeline Napoli e IVI-Itinerari Video Interattivi. Fino a domenica 7 gennaio 2018 è possibile “stappare” la storia di Napoli all'interno del castello voluto da Carlo I d’Angiò per andare alla ricerca del Sacro Graal, discendendo il sottosuolo del Castelnuovo e scoprendo i nuovi spazi non sono sempre accessibili al pubblico. Partendo proprio da questo luogo e dalla sua millenaria storia, le associazioni culturali ...

I residui erano all'interno di anfore antiche

Trovato il vino più antico del mondo: è del 6000 a.C.

14/11/2017, 11:37 -
GEORGIA - La paleoarcheologia ci dice che poco meno di 10 mila anni fa ci fu un'era glaciale; finita quella, gli esseri umani di allora cominciarono a combinare la caccia con l'agricoltura, visto che la temperatura permetteva la coltivazione. E in Georgia è stata trovata a prova che non furono solo il grano o il mais i primi ad essere coltivati. Infatti, nei resti di un villaggio primitivo in Georgia, sono state trovate vecchie anfore. All'interno, un misto di residui di acido tartarico, acido malico e acido succinico. Si tratta dei residui di vino, che evidentemente era ...

Lunga 30 metri è sopra il corridoio principale

Scoperta una nuova stanza nella piramide di Cheope

02/11/2017, 18:26 -
EGITTO - Una nuova scoperta è stata fatta a proposito della piramide di Cheope. Bombardando la piramide con particelle provenienti dai raggi cosmici, chiamate muoni, che hanno la caratteristica di comportarsi in maniera differente se attraversano la roccia o il vuoto, è stata scoperta la presenza di una stanza di cui finora si era solo sospettato l'esistenza. Si tratta di una stanza lunga circa una trentina di metri, situata proprio sopra il corridoio principale, a 21 metri di altezza dal suolo. Per ora non si sa come accedere a questa stanza, Non ci sono ...

Un archeologo italiano riscrive la fine della città

Il cavallo di Troia? Non era un cavallo, ma una nave

01/11/2017, 10:09 -
Quando si pensa alla storia dell'antica città di Troia, si pensa subito all'episodio che decretò la sua fine: i greci che fanno finta di andarsene e lasciano un cavallo sulla spiaggia, i troiani che per festeggiare portano l'animale dentro le mura e Ulisse e i suoi uomini che erano nascosti nella pancia dell'animale che la notte escono e aprono le mura per consentire ai greci di entrare e distruggere la città. Ma secondo l'archeologo Francesco Tiboni - italiano, ma docente presso l'università di Marsiglia - il cavallo non era un cavallo, ma una nave. ...

I blocchi di granito trasportati sul fiume

Scoperto il segreto della costruzione della Piramide di Giza

26/09/2017, 10:42 -
In un documentario trasmesso in Inghilterra su Channel 4, l'archeologo statunitense Mark Lehner presenta le ultime scoperte a proposito della costruzione della Piramide di Giza. In particolare, grazie anche ad un papiro scritto da un caposquadra egiziano, si è accertato che i blocchi di granito che compongono la piramide sono stati estratti ad Aswan, ad 800 Km. di distanza da Giza. Dopo di che sono stati caricati su barche cerimoniali (poco più che zattere, ma molto decorate) e trasportati prima lungo il Nilo e poi attraverso una rete di canali artificiali fino a ...

Gli scavi aprono al pubblico anche di sera per il periodo es

La magia di Pompei in un percorso notturno

04/07/2017, 12:13 -
Pompei-Il fascino della storia, della città sommersa dalla lava, rivivrà in un percorso fatto di suggestive luci, proiezioni in 3d e suoni che riporteranno alla vita di un tempo: queste le emozioni regalate ai turisti che decideranno di visitare Pompei durante l'eccezionale apertura notturna.I ministri Dario Franceschini e Claudio De Vincenti hanno inaugurato ieri questa nuova iniziativa ed illustrato i risultati del Programma operativo interregionale “Attrattori culturali, naturali e turismo”. “Il nuovo impianto di illuminazione di Pompei è un altro ...

Lo studio del Dna delle mummie ha dato nuovi dati

Gli antichi egizi? Venivano da oriente

31/05/2017, 10:57 -
IL CAIRO (EGITTO) - Gli antichi egizi erano imparentati con le popolazioni dell'Anatolia, dell'attuale Israele e dell'attuale Giordania. Ce lo dice il DNA di 93 mummie, che sono state esaminate proprio a questo scopo. La notizia non deve sorprendere: i rapporti con quelle zone erano molto frequenti. E non erano sempre rapporti pacifici: in Anatolia c'erano gli ittiti, con cui gli egiziani hanno combattuto per secoli. E nella zona dell'attuale Israele c'erano i "giudei" (così vennero chiamati per la prima volta dagli egiziani), che erano formati anche da ex criminali egiziani ...

Altre notizie

Cerca notizia