Cultura e tempo libero / Archeologia

La magia di Pompei in un percorso notturno
04/07/2017, 12:13

Gli scavi aprono al pubblico anche di sera per il periodo es

La magia di Pompei in un percorso notturno

Pompei-Il fascino della storia, della città sommersa dalla lava, rivivrà in un percorso fatto di suggestive luci, proiezioni in 3d e suoni che riporteranno alla vita di un tempo: queste le emozioni regalate ai turisti che decideranno di visitare Pompei durante l'eccezionale apertura notturna.I ministri Dario Franceschini e Claudio De Vincenti hanno inaugurato ieri questa nuova iniziativa ed ...

Lo studio del Dna delle mummie ha dato nuovi dati

Gli antichi egizi? Venivano da oriente

31/05/2017, 10:57 -
IL CAIRO (EGITTO) - Gli antichi egizi erano imparentati con le popolazioni dell'Anatolia, dell'attuale Israele e dell'attuale Giordania. Ce lo dice il DNA di 93 mummie, che sono state esaminate proprio a questo scopo. La notizia non deve sorprendere: i rapporti con quelle zone erano molto frequenti. E non erano sempre rapporti pacifici: in Anatolia c'erano gli ittiti, con cui gli egiziani hanno combattuto per secoli. E nella zona dell'attuale Israele c'erano i "giudei" (così vennero chiamati per la prima volta dagli egiziani), che erano formati anche da ex criminali egiziani ...

L'Importanza dell'archeologia nelle scuole secondo Fabio Pirozzi

22/05/2017, 15:21 -
NAPOLI -  Nella società odierna, poco è purtroppo lo spazio riservato a discipline come l’archeologia.                                                                         Talvolta gli studenti maturano piena consapevolezza di questa materia, solo nel ciclo di scuola secondaria. Affascinanti e benefici però, possono essere decisamente o poteri esercitati da ...

L'importante opera donata dal ministero dei beni culturali

Il Dedalo di Mitoraj rimarrà agli scavi di Pompei

20/04/2017, 13:33 -
Si concluderà il primo maggio la mostra delle opere dello scultore Igor Mitoraj che ha luogo presso gli scavi di Pompei da un anno, ma una delle sue imponenti creazioni non andrà via.Infatti il Dedalo, maestosa scultura dell'artista polacco situata nel Tempio di Venere e visibile anche dal di fuori degli scavi, è stata donata dalla fondazione Mitoraj e dalla galleria Contini al Ministero dei Beni Culturali che ha deciso a sua volta di lasciarla per sempre nel sito archeologico pompeiano .

De Devitiis: "Ora si spinga sulla realizzazione di progetti"

"I luoghi del cuore", sei le aree più votate in Campania

27/02/2017, 11:45 -
NAPOLI- Un milione e mezzo di italiani ha votato per i “Luoghi dell’arte del Fai”. Lombardia, Puglia, Veneto e Toscana sono state le regioni che hanno risposto con maggiore slancio all’ottava edizione del censimento, ma anche la Campania ha aderito con buoni numeri all’appello del Fai, portando sei luoghi in classifica. Questa iniziativa, in Campania, ha permesso non solo una valorizzazione del cuore di Napoli, ma ha condotto anche ad una riscoperta della provincia. I luoghi presentati sono: -Salerno, il complesso di San Giorgio che, con poco più ...

Per l'occasione sarà riaperta la Domus dei Casti Amanti

Il ministro Franceschini in visita a Pompei il 9 febbraio

30/01/2017, 12:13 -
NAPOLI- Il ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini , sarà in visita negli scavi di Pompei giovedì 9 febbraio, alle ore 10. Il ministro accompagnerà il commissario europeo Corina Cretu in una ricognizione dei cantieri del Grande Progetto Pompeiano finanziato dall’Ue. Per l’occasione saranno riaperte alcune Domus come quella dei Casti Amanti, il cui progetto di restauro non è ancora concluso ma i tecnici contano di poterla rendere ugualmente accessibile. Sono già vive le prime tensioni tra la Soprintendenza e i sindacati. Questi ...

Secondo gli esperti le mura risalgono al IV secolo a.C

Napoli, ritrovate antiche mura della città

04/01/2017, 17:06 -
NAPOLI- Alle spalle della malridotta chiesa neogotica, all'angolo di Piazzetta del Grande Archivio, c'è un palazzo che custodisce un segreto antico e sconosciuto. All’interno del piccolo rifugio di guerra sono stati ritrovati dei resti di antiche mura della città, probabilmente risalenti all’epoca greca. In mezzo a cumuli di pattume e resti di lavori edili ci sono i blocchi che probabilmente appartengono alle antiche mura della città. Già venti anni fa, nel corso di uno scavo effettuato proprio in quella strada per la posa di cavi telefonici, ...

Ma non erano solo verdure...

La dieta dell'Homo Erectus? Un tripudio di verdure

12/12/2016, 11:24 -
TEL AVIV (ISRAELE) - Yoel Melamed e Naama Goren-Inbar, due studiosi israeliani dell'università Bar-Ilan di Ramat Gan hanno pubblicato uno studio sull'alimentazione dell'Homo Erectus, cioè gli antenati dell'essere umano che viveva tra 1,8 e 1,3 milioni di anni fa. E così si è scoperto che la dieta era molto più varia di quanto si pensasse prima: soprattutto bacche, semi, piante, radici. Una tale varietà gli consentiva di avere a disposizione cibo in tutte le stagioni dell'anno. Non vorrei deludere i vegani, che dicono che l'essere ...

C'è voluto un anno di lavoro

Trovate due stanze nascoste nella Piramide di Cheope

19/10/2016, 10:36 -
GIZA (EGITTO) - E' stata fatta una nuova scoperta nella piramide di Giza, detta anche Piramide di Cheope. Sono state scoperte due nuove stanze, all'interno della Piramide. Per ora, le loro esatte dimensioni e la loro funzione sono sconosciute. Trovarle non è stato facile. Ci è voluto un anno di studi, con osservazioni fatte con le più avanzate tecnologie. Sono state utilizzate termografie agli infrarossi, proiettori a muoni e altri ritrovati tecnologici. La piramide è stata analizzata millimetro per millimetro ed è così che sono stati ...

Terzigno, sepolte le ville romane di Cava Ranieri

03/10/2016, 13:59 -
Non c'è pace per il sito archeologico di Cava Ranieri a Terzigno: il Comitato Civico Vesuviano mostra le foto dell'interramento delle ville romane compiuto dalla Soprintendenza di Pompei e con lo studioso archeologo Gennaro Barbato tuona: "hanno seppellito il nostro futuro migliore". Per Barbato è assurdo che da quando sono stati compiuti i primi scavi, oltre 30 anni fa, non sia stato stato espropriato il terreno dove sono situate le ville, perciò chiede che venga immediatamente acquisito per evitare lo sperpero di ulteriori soldi pubblici. "Per interrare le ville di Cava Ranieri sono stati spesi 70mila euro: bastava meno per realizzare una tettoia su ...

Altre notizie

Cerca notizia