Archivio notizie

Da iTunes spariscono i film acquistati. Gli utenti protestano
14/09/2018, 17:45

Ma legalmente non hanno diritto a rimborso

Da iTunes spariscono i film acquistati. Gli utenti protestano

Sono molti gli utenti di iTunes che si stanno lamentando perchè non possono più vedere film che hanno acquistato. Di fatto, quei film sono stati completamente cancellati. Ma le lamentele sono inutili, in questo caso: dal punto di vista legale, la Apple è protetta. Infatti, iTunes è solo una "vetrina", ma la Apple non è responsabile di quello che fanno i produttori. E ...

Non potranno usare il social network

Insulti razzisti su Facebook, condannati a leggere libri

13/09/2018, 17:31 -
PORTOGRUARO (VENEZIA) - Quattro persone di Portogruaro, di età compresa tra i 34 e i 56 anni, sono state condannate per insulti razzisti su Facebook. I quattro, parlando degli immigrati, hanno dichiarato intenzioni come bruciarli o gettargli addosso dell'acido. Per questo sono stati condannati a non usare più Facebook per sei mesi, oltre a pagare 200 euro di risarcimento danni e 4 ore a settimana di lavori socialmente utili. Inoltre dovranno leggere libri sul razzismo e scrivere delle brevi considerazioni sull'argomento. Il processo è stato sospeso fino ...

E' la società elettrica a lanciare l'allarme

"Rimborso Enel da 85 euro". Ma è una truffa

18/07/2018, 11:10 -
Ancora una volta girano truffe su Internet. E usano l'esca più appetitosa: i soldi. Ci sono tante persone che in questi giorni stanno ricevendo una e-mail che sembra provenire dall'Enel. L'e-mail avvisa l'utente che c'è un rimborso di 85 euro ed invita a cliccare su un link, che conduce ad una buona imitazione del sito dell'Enel, dove viene richietso all'utente di mettere i dati anagrafici e il numero di carta di credito. Ovviamente è una operazione di pishing, cioè quel tipo di truffa telematica in cui si indirizza l'utente ignaro su un sito che imita ...

La società dichiara che si tratta di "libertà di espressione

Facebook: non cancelleremo le fake news

17/07/2018, 14:43 -
Niente da fare: Facebook non muoverà un dito per combattere le fake news. L'ha dichiarato John Hegeman, capo del news feed di Facebook, in una conferenza stampa. Quando un giornalista gli ha chiesto come mai non fosse stata chiusa la pagina InfoWars (pagina di bufale, politicamente vicino ai repubblicani, che inventa complotti contro i cittadini Usa o contro Trump o che i democratici vogliono scatenare guerre, ecc.), Hegeman ha risposto che Facebook non intende chiudere nessuna pagina perchè questo potrebbe essere contrario alla libertà di ...

E' la prima multa per questa vicenda

Cambridge Analytica: multa da 650 mila euro per Facebook

11/07/2018, 11:18 -
LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Arriva per Facebbok la prima multa per la vicenda di Cambridge Analytica, cioè la compravendita di dati sensibili degli utenti, al fine di controllare gli utenti dei social network. E arriva dall'Information Co,mmissioner's Office, l'autorità inglese che si occupa del rispetto della privacy e dei dati sensibili. La quale ha sanzionato il social network con una multa di 500 mila sterline, equivalenti a 663 mila euro. In sostanza Facebook è accusata di non aver controllato come Cambridge Analytica sfruttasse le app create per il social ...

E' una foto del concerto dei Pink Floyd

"Stanno per invadere l'Italia, nessuno ti farà vedere questa foto", ma è una bufala

04/07/2018, 12:40 -
Ancora una volta, si usano i social network per diffondere notizie false, pensate per spaventare la gente. Questa volta è stata usata la foto allegata. Con un titolo altisonante: "Porto libico. Non te le faranno mai vedere queste immagini. Sono tutti pronti a salpare in Italia". In realtà si tratta del concerto che i Pink Floyd tennero a Venezia nel 1989. Chi ama la musica, ricorderà il palco galleggiante e tutta la gente che assisteva dalle imbarcazioni che cercavano di arrivare il pèiù vicino possibile. Ci sono state decine di migliaia di ...

A rischio la libertà di informazione

Wikipedia "chiude" per protestare contro la legge sul diritto d'autore

03/07/2018, 14:35 -
Chi oggi prova a fare qualche ricerca su Wikipedia si trova davanti una pagina in cui il sito enciclopedico protesta per la nuova legge europea sul diritto d'autore. In particolare, sono due gli articoli considerati pericolosi. L'articolo 11, che obbliga a procurarsi preventivamente dal detentore dei diritti l'autorizzazione ad usare un certo link. Significherebbe che anche se uno vuole citare un articolo o una pubblicazione deve chiedere il permesso; cosa che non è detto che sia gratuita. Il secondo punto è nell'articolo 13, che obbliga i siti a munirsi di un ...

Peccato che in realtà le cose stanno differentemente

Facebook: "Da oggi priorità alle notizie affidabili"

03/07/2018, 11:03 -
Da oggi viene attivato in Italia il sistema di valutazione di affidabilità dei link, già attivo negli Usa. In pratica, è stato modificato l'algoritmo di ricerca, per dare priorità alle notizie ritenute più affidabili. Ma quali sono le notizie che l'algoritmo considererà più affidabili? Quelle che un sondaggio, che c'è stato negli ultimi mesi, ha rivelato com etali. Potrebbe esserci anche un ulteriore "parametro" consistente nel numero di like che ogni sito ottiene. In realtà questo sistema ha un enorme problema: ...

Sfruttata la debolezza tecnologica del sito

Anonymous oscura il sito del Consiglio regionale della Toscana

29/06/2018, 19:17 -
FIRENZE - Brutta sorpresa per il Consiglio Regionale della Toscana, che ha visto il suo sito oscurato. Tecnicamente, si è trattata di una operazione detta "defacing": un programma entra nella gestione del sito e sostituisce l'home page con un'altra. In questo caso quella di Anonymous, con la scritta: "#Italy. People should not be afraid of their governments. Governments should be afraid of their people" ("#Italia Il popolo non dovrebbe aver paura dei propri governi. I governi dovrebbero avere paura del loro popolo"). L'attacco è stato lanciato in automatico. ...

Il bingo online: diamo un’occhiata a uno dei giochi più popolari in Italia

20/06/2018, 13:03 -
Nel corso degli ultimi 5 anni il settore del gioco d’azzardo ha prodotto un fatturato di tutto rispetto in Italia e nel resto d’Europa. Non a caso quando si parla in termini analitici di questo fenomeno, il termine più indicato per descrivere questo settore è quello di industria del gioco. Il gioco si è sviluppato massivamente in due diversi rami: quello live che risulta ancora il più praticato, a cui bisogna però affiancare il gioco online. Il gioco online in Italia nel giro di pochi anni è passato da cifre piuttosto modeste fino a raggiungere una spesa complessiva pari a 9,5 miliardi di euro l’anno. Una cifra ragguardevole e significativa che mostra come un’idea programmatica ...

Altre notizie