Archivio notizie

Brasile: ordine di arresto per Cesare Battisti
14/12/2018, 18:10

Ma lui è fuggito da qualche giorno

Brasile: ordine di arresto per Cesare Battisti

BRASILIA (BRASILE) - In violazione delle sentenze della Corte Suprema, un giudice brasiliano ha emanato un ordine di arresto per Cesare Battisti, l'ex esponente dei NAR condannato in Italia a due ergastoli e fuggito da anni prima in Francia e poi in Brasile. L'ordine di arresto è stato emesso per evitare il pericolo di fuga. Ma Cesare Battisti non è più nel suo docmicilio. I vicini ...

Ha pagato 10 milioni, dovrà portare il bracciale elettronico

Canada: rimessa in libertà su cauzione lady Huawei

12/12/2018, 10:18 -
VANCOUVER (CANADA) - Meng Wanzhou, amministratore delegato della Huawei, è stata rimessa in libertà dalla magistratura canadese, dopo aver pagato una cauzione di 10 milioni di dollari canadesi. E' sottoposta ad alcuni obblighi: dovrà restare a Vancouver, dove è stata arrestata, e dovrà portare un braccialetto elettronico dotato di GPS. Il tutto in attesa della decisione sull'estradizione negli Usa, dove è accusata di aver violato la legge americana che vieta a tutte le aziende del mondo di fare affari con i Paesi verso cui gli Usa adottano ...

Trump nomina il Ministro alla Giustizia

Usa sconfitta all'Onu: niente risoluzione contro Hamas

07/12/2018, 16:14 -
NEW YORK (USA) - Sconfitta diplomatica di misura per gli Usa (e per Israele, che era il diretto interessato; gli Usa come al solito hanno fatto solo da portavoce) all'Onu: una risoluzione non vincolante presentata dall'ambasciatrice statunitense Nikky Haley che condannava Hamas per il lancio di razzi contro Israele non è passata. Ma questo solo grazie al Qatar, che ha presentato e ottenuto che ci fosse una maggioranza qualificata dei due terzi. Solo 87 Paesi hanno votato a favore mentre 57 hanno votato contro e 33 si sono astenuti. E questo sarà l'ultimo ...

L'arresto è avvenuto in Canada il primo dicembre

Usa: arrestato il numero 2 di Huawei. E' crisi diplomatica

06/12/2018, 16:17 -
WASHINGTON (USA) - La crisi commerciale tra Stati Uniti e Cina rischia di diventare una crisi diplomatica. Infatti il primo dicembre scorso è stata arrestata in Canada Meng Wanzhou, figlia del fondatore della Huawei (società che produce telefonini, televisori ed altri prodotti di elettronica) e attuale amministratore delegato della società. L'accusa è quella di non aver interrotto i rapporti commerciali con l'Iran, come previsto dalle sanzioni Usa. Infatti c'è questo perverso meccanismo per cui gli Usa colpiscono tutte le società che fanno ...

Così eviterebbe che confessi davanti al procuratore

Trump si prepara a graziare Manafort per i suoi reati

29/11/2018, 17:34 -
WASHINGTON (USA) - Il presidente statunitense Donamd Trump, parlando al New York Post, ha detto di non aver mai parlato della grazia per Paul Manafort ma che essa "non è fuori discussione". Il che significa che Trump e il suo entourage hanno pensato ad una soluzione del genere. Sarebbe l'unico modo per evitare a Manafort un lungo periodo detentivo per i reati fiscali di cui è accusato. E soprattutto per evitare che vada avanti l'accordo che Manafort ha stipulato con il procuratore speciale Robert Mueller. Un accordo che, secondo la consuetudine della giustizia ...

I suoi legali negano che sia vero

Russiagate: Manafort ha mentito, adesso rischia il processo

27/11/2018, 09:02 -
WASHINGTON (USA) - Secondo la legge americana, per poter accedere ad un patteggiamento in un processo è necessario dimostrare collaborazione con il Procuratore: si stringe un accordo e se viene rispettato, al processo Pm e avvocato presentano l'accordo sulla condanna. Una legge che al di fuori degli Usa molti contestano, ma che è usata per migliaia di processi all'anno. Ma secondo il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate (cioè i rapporti tra il Presidente Donald Trump e alcuni esponenti vicini a Putin durante la campagna ...

Chiusa anche la frontiera

Lacrimogeni e proiettili di gomma contro i migranti che cercano di entrare in Usa

26/11/2018, 09:41 -
MESSICO/USA - Nuovo tentativo da parte di 500 migranti di superare il confine tra Messico e Usa in un tratto della strada tra Tijuana e San Diego. I migranti fanno parte dei 7000 che hanno attraversato l'intero Messico e che provengono da Guatemala, Honduras ed El Salvador. Il tentativo è stato respinto dai militari americani, che hanno sparato sui migranti con gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Alla fine i 500 sono stati respinti e arrestati dalla Polizia messicana. Il governo di Mexico City, in accordo con le disposizioni del presidente statunitense Donald Trump, ha detto ...

Il Presidente: "Ci sono 500 criminali tra i migranti"

Usa: Trump autorizza i soldati ad uccidere i migranti che vogliono entrare negli Usa

23/11/2018, 17:06 -
MESSICO/USA - Continua l'odissea dei circa 7000 migranti che sono partiti da Honduras, Guatemala ed El Salvador per entrare negli Usa e trovare un lavoro. Sono ormai arrivati al confine, ma sono stati fermati dai poliziotti messicani. Il governo di Città del Messico ha offerto ad alcuni di loro un contratto di  lavoro nelle aziende della zona del confine, ma pochi hanno accettato. Intanto Trump ha annunciato - dalla sua villa di Mar-a-Lago dove sta passando un week end di vacanza - che ha dato ai soldati l'autorizzazione ad usare "forza a livello letale" contro i ...

Ma i dipendenti sono 26 mila

Usa: imprenditore regala 20 milioni di dollari ai propri dipendneti

22/11/2018, 18:16 -
WASHINGTON (USA) - Mark Baiada, titolare di una azienda che si occupa di assistenza sanitaria a domicilio, ha fatto un regalo speciale ai propri dipendenti nel Giorno del Ringraziamento: ha staccato un assegno da 20 milioni di dollari dal proprio patrimonio per dividerlo tra i dipendenti. Ma si tratta di una cifra meno grande di quanto si pensi: i dipendenti sono 26 mila e quindi la cifra che ognuno riceverà sarà relativamente bassa: si va dai 50 dollari dei neoassunti fino a bonus superiori ai 10 mila dollari per quelli che sono in azienda da più lunga ...

Interviene il capo della Corte Suprema

Trump: "Quello è un giudice di Obama". E' polemica

22/11/2018, 16:27 -
WASHINGTON (USA) - Ancora una volta il Presidente statunitense Donald Trump fa parlare di sè per il totale disprezzo delle istituzioni del suo Paese. Questa volta tutto nasce da un giudice fedeale che ha annullato l'ordine esecutivo dello stesso Trump che impedisce ai migranti che provano ad entrare negli Usa di chiedere asilo. Nel criticare quella sentenza, Trump ha appellato il giudice federale come "giudice di Obama", intendendo che segue la stessa politica dell'ex presidente Usa. Una affermazione che non è piaciuta a John Roberts, capo della Corte Suprema, ...

Altre notizie