Dal mondo

Putin in visita in Siria ritira le proprie truppe
11/12/2017, 16:12

Ma minaccia: "Se il terrorismo torna, ci saranno raid"

Putin in visita in Siria ritira le proprie truppe

KHMEIMIM (SIRIA) - Il presidente russo Vladimir Putin si è recato in visita in Siria, alla base russa di Khmeimim. La base è quella creata appositamente per gli attacchi contro l'Isis, ma rimarrà per un creto tempo in funzione dato che è un altro sbocco russo sul Mediterraneo. nella base aerea si è incontrato con il presidente siriano Bashar al Assad, con cui ha avuto un breve ...

L'attentatore è stato arrestato

Esplosione in stazione autobus a New York. Ci sono feriti

11/12/2017, 14:42 -
NEW YORK (USA) - UNa bomba è esplosa a New York, nella stazione degli autobnus di Port Authority. Secondo le prime informazioni, si tratterebbe di un "tubo bomba", cioè di un tubo metallico riempito di esplosivo. Quindi un ordigno artigianale. L'attentatore sarebbe stato arrestato, perchè è rimasto ferito nell'esplosione. Infatti il sospetto è che l'esplosivo fosse troppo instabile e quindi l'ordigno sia esploso prima del tempo. L'attentatore aveva addosso un giubbotto esplosivo, che però non ha fatto in tempo ad attivare. L'esplosione ...

Le opposizioni tentano il boicottaggio, ma fallisce

Venezuela: il partito di Maduro stravince le comunali

11/12/2017, 11:03 -
CARACAS (VENEZUELA) - Nuova tornata elettorale in Venezuela, stravinta dal partito del presidente Nicolas Maduro. Si trattava di elezioni comunali, in 335 comuni. Di questi, oltre 300 sono stati ad appannaggio di Maduro. L'opposizione non si è presentata quasi in nessun comune, tentando la carta del boicottaggio. Una carta fallita, dato che è andato a votare oltre il 47% della popolazione. Maduro ha anche detto che secondo lui "un partito che oggi non si è presentato e ha chiesto il boicottaggio del voto non può più partecipare alle elezioni". E il ...

A marzo dovrebbero essere aperte le prime sale

Arabia Saudita: cade il divieto per i cinema

11/12/2017, 10:27 -
RIAD (ARABIA SAUDITA) - Continua la politica di apertura e di modernizzazione dell'Arabia Saudita. E questa volta lo fa abolendo il divieto, in vigore da 35 anni, di apertura di sale cinematografiche. Può sembrare strano, a noi che abbiamo una sala cinematografica anche nei comuni più piccoli e sperduti, ma in tutta l'Arabia Saudita non ne esiste neanche una. Le prime verranno aperte a marzo. In realtà era una idea che il re Salman sta portando avanti da tempo, come dimostra il fatto che molte delle sale sono in costruzione da mesi e che negli ultimi mesi sono ...

Israele ha ucciso 4 palestinesi e ne ha feriti oltre 1200

Netanyahu: "Gerusalemme capitale è un passo verso la pace"

11/12/2017, 09:13 -
PARIGI (FRANCIA) - Una visita domenica del premier israeliano Benjamin Netanyahu a Parigi non ha affatto diminuito le distanze tra Europa e Francia. Con il presidente francese Emmanuel Macron che ha ricordato come la decisione statunitense di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele sia contro il diritto internazionale. E Netanyahu ha risposto: "Parigi è la capitale della Francia, Gerusalemme è la capitale di Israele. Ed è così da 3000 anni" (peccato che Parigi è una città francese, mentre Gerusalemme è una città giordana ...

E' bufera su Hammond e sul governo May

GB, il Ministro del Tesoro: "I disabili danneggiano la produttività"

08/12/2017, 18:16 -
LONDRA (GRAN BRETAGNA) - E' nuovamente bufera sul governo May e sul Cancelliere dello Scacchiere (in pratica il nostro Ministro del Tesoro) Phillip Hammond. Parlando davanti ad una commissione parlamentare degli scadenti risultati economici del 2017, Hammond ha detto che la colpa è del fatto che sono aumentati nelle aziende i lavoratori disabili. Le proteste sono state immediate, sia dai partiti di opposizione che dalle associazioni per i disabili. Hammond ha poi cercato di fare un parziale dietrofront affermando di essere estremamente orgoglioso dellivello di integrazione dei ...

La May chiede un periodo di transizione fino al 2021

Brexit: raggiunto l'accordo tra Gb e Unione Europea

08/12/2017, 16:37 -
LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Ci hanno lavorato tutta la notte, ma alla fine la premier inglese Theresa May e il presidente dell'Unione Europea Donald Tusk hanno potuto annunciare che c'è un accordo sulla Brexit. Un accordo che per ora è abbastanza generico: si è stabilito che i cittadini europei che risiedono in Gran Bretagna saranno soggetti ai giudici e alle leggi britanniche, ma potranno fare appello in ultima istanza alla Corte Europea; che la Gran Bretagna pagherà tra i 40 e i 45 miliardi (molto meno di quanto previsto inizialmente) e che non ci saranno ...

La maggior parte dei feriti a Betlemme, i morti a Gaza

Giornata di sangue in Cisgiordania: 2 palestinesi uccisi e 200 feriti

08/12/2017, 16:17 -
GERUSALEMME - Come era prevedibile, polizia ed esercito israeliani hanno soffocato nel sangue le proteste dei palestinesi per la decisione del presidente statunitense Donald Trump di spostare l'ambasciata a Gerusalemme e di riconoscere quella città (che per due terzi fa parte della Giordania ed è stata invasa militarmente da Israele nel 1967) come capitale. Oggi, inoltre, essendo venerdì (il giorno festivo per i musulmani, come da noi la domenica) si sono radunate molte più persone dei giorni scorsi. E il bilancio è stato tragico: due palestinesi ...

Sta facendo propaganda politica dal Belgio

Bruxelles: 45 mila catalani in piazza per Puigdemont

07/12/2017, 18:56 -
BRUXELLES (BELGIO) - E' stato quasi un esodo: 5 voli charter, 250 pullman e migliaia di auto hanno trasferito 45 mila catalani fino a Bruxelles, per manifestare a favore dell'ex governatore della Catalogna Carlos Puigdemont. Una manifestazione che è anche contro l'Europa colpevole, a dire dei catalani, di aver appoggiatoil governo spagnolo. E questa manifestazione è stata anche una vittoria politica per Puigdemont, che così - nonostante i reati di cui si è macchiato - può dirigere la campagna elettorale dal Belgio senza problemi. In questo senso la ...

Il Senato dovrebbe prima toglierle l'immunità

Argentina: chiesto l'arresto dell'ex presidente Kirchner

07/12/2017, 17:56 -
BUENOS AIRES (ARGENTINA) - Il giudice argentino Carlos Buonadio ha chiesto al Senato di revocare l'immunità all'ex presidente (e ora senatrice) Cristina Kirchner. L'accusa è di tradimento e occultamento delle prove. La vicenda è quella di un attentato del 1994 contro l'Associazione Ebraica che provocò 85 morti. Non è mai stata trovata alcuna prova di chi fossero i colpevoli, ma venne deciso che le responsabilità erano di Iran e Siria. Secondo Buonadio, la Kirchner quando era Presidente ha negoziato segretamente con l'Iran per evitare che ...

Altre notizie