Dal mondo / Africa

L'Africa crea la più grande zona a libero scambio del mondo
09/07/2019, 09:37

Solo l'Eritrea ha detto di no

L'Africa crea la più grande zona a libero scambio del mondo

AFRICA - I giornali non ne hanno parlato, al massimo un trafiletto. Eppure è una notizia economica di prima forza: l'Africa è un mercato libero. Un accordo che raduna 54 Paesi su 55 (solo l'Eritrea ha detto di no, impegnata com'è nella guerra contro la Somalia, ndr) elimina oltre il 90% dei dazi interni tra Paesi africani, di ogni tipo. Oltre un miliardo di persone, quindi, adesso ...

Ora Serraj minaccia: "Libereremo tutti i migranti"

Libia: oltre 60 i morti del bombardamento del lager per migranti

L'Onu: "Le guardia hanno sparato contro chi fuggiva"

04/07/2019, 16:07 -
TRIPOLI (LIBIA) - E' salito ad oltre 60 il numero delle persone morte dopo il bombardamento di uno dei lager in cui vengono rinchiusi i migranti per torturarli ed estorcere denaro; i feriti sono circa 130. Ma non tutti sono stati uccisi dalla bomba: secondo quanto riferito da alcuni osservatori Onu, parecchi sono stati uccisi dalle guardie che hanno aperto il fuoco verso chi scappava. Intanto il quotidiano "The Lybia ...

Sarebbe stata l'aviazione di Haftar

Libia: bombardato lager migranti. Almeno 40 morti e 80 feriti

03/07/2019, 09:01 -
TRIPOLI (LIBIA) - Una bomba d'aereo è caduta su un centro di detenzione dei migranti, cioè uno di quei lager in cui i migranti vengono torturati e seviziati fino alla morte o finchè non pagano il riscatto voluto dai loro aguzzini. Il bilancio provvisorio è di almeno 40 morti e 80 feriti, ma è un bilancio destinato a crescere: quando ti arriva addosso una tonnellata e mezzo di tritolo, non è che rimanga molto. Secondo il governo di Tripoli, il responsbaile è l'esercito di Haftar, che sta provando di nuovo a conquistare la capitale ...

Aumentano i morti tra i civili

Libia: Haftar bombarda tripoli, Serraj punta su Bengasi

17/04/2019, 09:45 -
TRIPOLI (LIBIA) - Attacco missilistico nella notte a Tripoli. Le batterie missilistiche del generale Khalifa Haftar hanno colpito la capitale, aolmeno 7 volte. Il bilancio è di 4 morti e 23 feriti, di cui quattro in gravi condizioni. Un portavoce delle truppe di Haftar ha dichiarato che l'esercito sta avanzando su nuove posizioni e che combatteranno contro il terrorismo. Altri scontri sono scoppiati tra le truppe nei pressi dell'aeroporto di Mitiga e nei pressi di Ain Zara. Dal canto suo, il portavoce dell'esercito regolare ha affermato: "L'ordine del comando centrale è ...

Continuano i combattimenti in Libia, oltre 200 i morti

Libia: rappresentante di Serraj a Roma con Conte

15/04/2019, 10:05 -
TRIPOLI (ROMA) - Incontro oggi a Roma tra il Presidente del Consiglio Giovanni Conte e Ahmed Maitig, vicepresidente del consiglio presidenziale della Libia. L'incontro ovviamente dovrebbe riguardare l'evenrtuale appoggio al governo di Tripoli che l'Italia concederà. Oggi è presente a Roma anche Mohamed al Thani, ministro degli Esteri del Qatar (che è schierato con il governo di Tripoli, ndr), per discutere dello stesso argomento. Il che fa da contraltare all'incontro, avvenuto ieri al Cairo, tra il generale Haftar e il presidente egiziano al Sisi. Intanto ...

La notizia rilanciata da Repubblica, smentita da Parigi

Libia: la Francia dietro l'attacco di Haftar?

12/04/2019, 17:22 -
TRIPOLI (LIBIA) - Giornata di calma relativa in Libia, dato che il venerdì per i musulmani è la giornata della preghiera. Anche se si segnalano attacchi aerei del generale Khalifa Haftar contro la città di Zuwara, controllata dal premier Serraj. Ma a riscaldare la situazione arriva una notizia di Repubblica, che riferisce di una visita di alcuni esponenti vicini al generale Haftar a Parigi il 4 marzo scorso. Una visita che, ipotizza il quotidiano, potrebbe essere stato il via libera francese all'attacco in corso. Una ricostruzione che però è stata ...

Le verifiche hanno portato a risultati sconcertanti

"Infermiera ha scambiato per divertimento 5000 bambini". Ma è una bufala

09/04/2019, 13:27 -
LUSAKA (ZAMBIA) - La notizia ha fatto il giro del web: una infermiera dello Zambia avrebbe scambiato circa 5000 neonati presso l'University Teaching Hospital dove lavorava. L'avrebbe fatto per puro divertimento. A confessarlo, la stessa infermiera che è sul letto di morte per un tumore ormai incurabile. L'infermiera ha detto ad un giornalista di aver lavorato lì tra il 1983 e il 1995. La notizia ha fatto il giro del web, tra sconcerto e incredulità. Ma la Polizia ha avviato una inchiesta e già un risultato si è ottenuto. Infatti, nei registri della ...

Nel caos, l'ISIS torna a colpire i civili

Libia: 34 soldati di Haftar si arrendono, Serraj in vantaggio

09/04/2019, 09:32 -
TRIPOLI (LIBIA) - Sono rimasti inascoltati gli appelli dell'Onu a terminare la guerra in Libia. E di conseguenza il conflitto è continuato, in particolare nei pressi dell'aeroporto Mitiga. Un combattimento che ha portato alla resa di 34 miliziani dell'esercito di Haftar. Sono stati recuperati anche alcuni blindati. Secondo quanto riferito ai media, i soldati erano a corto di munizioni e di carburante, segno che non hanno avuto i rifornimenti necessari. E questo potrebbe significare che è l'intero esercito di Haftar ad avere scarsità di rifornimenti. Oppure che i ...

Haftar e Serraj usano anche i media per combattere

Continua la guerra in Libia, Tra Usa, Onu e Francia

08/04/2019, 09:36 -
TRIPOLI (LIBIA) - Continua la guerra in Libia tra le truppe fedeli al premier Fayez al-Serraj e quelle del generale Khalifa Haftar. Con il secondo che ha dichiarato di aver conquistato l'aeroporto di Tripoli e il primo che ha annunciato di aver avviato l'operazione "Vulcano di rabbia" contro Haftar con l'aiuto delle truppe provenienti dalla zona di Misurata. L'esercito di Haftar ha anche schierato batterie di missili Grad (missili a breve raggio, capaci di trasportare centinaia di chili di esplosivo) a 80 Km. da Tripoli. Le perdite finora sono modeste: l'esercito di Serraj denuncia ...

Dubbi sull'affidabilità dei Boeing 737-Max 8

Aereo precipitato in Etiopia: colpa dell'aereo?

11/03/2019, 09:21 -
ADDIS ABEBA (ETIOPIA) - Purtroppo è confermato che non ci sono superstiti nello schianto del Boeing 7373-Max 8 delle Ethiopian Airlines avvenuto due giorni fa. Tutti i 157 a bordo (compresi 8 italiani), tra passeggeri ed equipaggio, sono rimasti uccisi nell'impatto. Ma oggi è la giornata delle polemiche, dato che viene messo sotto accusa l'aereo. Non il singolo mezzo, dato che l'aereo precipitato era stato costruito ad ottobre e messo in servizio a novembre del 2018. Ma proprio il modello, che è l'ultima evoluzione di un velivolo nato oltre 50 anni fa. Questo ...

Altre notizie