Dal mondo / Medioriente

Onu e Ue contro Israele: "Violato il diritto internazionale"
08/02/2017, 09:01

Ma come al solito, oltre alle parole il nulla

Onu e Ue contro Israele: "Violato il diritto internazionale"

TEL AVIV (ISRAELE) - Ha destato molte reazioni negative la decisione di Israele di legittimare 4000 insediamenti illegali costruiti in Cisgiordania su terre private di proprietà dei palestinesi. I primi a reagire sono stati i rappresentanti dell'Autorità Nazionale Palestinese, che hanno definito "inaccettabile" la legge, anche perchè viola una risoluzione del Consiglio di Sicurezza ...

L'unica prova, testimonianze di non si sa chi...

Amnesty accusa la Siria di "13 mila esecuzioni segrete"

07/02/2017, 10:12 -
DAMASCO (SIRIA) - Secondo un rapporto diffuso da Amnesty International, in Siria tra il 2011 e il 2015 sarebbero state uccise almeno 13 mila persone. Si tratterebbe di persone - per lo più civili - prelevate nottetempo dalle carceri, a 50 per volta, picchiate ed impiccate. E quetso perchè Assad avrebbe intrapreso una politica di sterminio della sua stessa gente, sottolinea Amnesty International. Naturalmente, non è dato sapere quali prove ci siano a sostegno di tali afferamzioni. Si sa solo che sarebbero interviste 84 persone, che avrebbero riferito queste ...

La legge un nuovo schiaffo alla pace

Israele legalizza 4000 insediamenti su terre dei palestinesi

07/02/2017, 10:04 -
TEL AVIV (ISRAELE) - Continua imperterrita l'offensiva territoriale israeliana, senza guardare in faccia a nessuno. E così la Knesset (il Parlamento israeliano) ha approvato una legge che legalizza 4000 insediamenti illegali costruiti dagli israeliani su terre private dei palestinesi. La legge, formalmente, prevede per i palestinesi risarcimenti in terreni situati in altre zone oppure risarcimenti in denaro a quotazioni superiori a quelle di mercato. Ma è chiaro che se nessuno pagherà, i palestinesi non potranno far valere le loro ragioni davanti ad alcun ...

Morto anche un soldato americano

Yemen: raid Usa, è strage di civili

30/01/2017, 11:04 -
BAYDA (YEMEN) - Primo raid dell'esercito statunitense contro quella che doveva essere una base di Al Qaeda in Yemen. Il risultato è stato tragico: 3 membri di Al Qaeda sarebbero stati uccisi (ma gli Usa affermano che sono 14, smentiti da testimoni  locali), insieme a 16 civili inermi. Nell'incursione è morto anche un soldato statunitense. Si tratta del primo raid militare organizzato da quando Donald Trump è diventato Presidente degli Stati Uniti. E si è risolto come sempre: con una strage di civili e qualche membro di Al Qaeda beccato per sbaglio. ...

La telefonata con Trump evidentemente conteneva l'ok

Netanyahu annuncia la costruzione di 2500 abitazioni in Cisgiordania

25/01/2017, 09:29 -
TEL AVIV (ISRAELE) - Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato che verranno costruiti 2500 nuove abitazioni negli insediamenti illegali israeliani in Cisgiordania. Il comportamento di Netanyahu è conseguente alla telefonata avuta col Presidente statunitense Donald Trump. Evidentemente, nel corso della telefonata Netanyahu ha ottenuto il via libera da Trump e una copertura politica a livello internazionale. Ma le nuove abitazioni complicano qualsiasi prospettiva di pace. E sono la dimostrazione che "Due Popoli in due Stati" non è qualcosa che ...

L?esercito siriano è impegnato su più fronti

Lo Stato Islamico distrugge altri monumenti a Palmira

20/01/2017, 16:28 -
TADMU (SIRIA) - Lo Stato Islamico continua la sua opera di distruzione dei più bei monumenti della Siria. Approfittando del fatto che l'esercito siriano si era concentrato su Aleppo per riconquistarla, miliziani dello Stato Islamico a dicembre hanno attaccato Tadmu, dove ci sono i resti dell'antica città romana di Palmira. E, oltre a fortificarsi nei punti strategici della città, hanno ricominciato a distruggere i monumenti di epoca romana. Per essere esatti, come riferisce l'agenzia di stampa Sana, sono stati distrutti il Tetrapilo e la facciata del teatro romano. ...

E' il terzo attacco in un mese

Siria: lancio di missili israeliani su una base militare

13/01/2017, 16:03 -
MEZZAH (SIRIA) - Ancora una volta, Israele lancia un attacco contro la Siria, sapendo di godere di tutte le tutele internazionali del caso (soprattutto con Trump alla Casa Bianca). Questa volta si è trattato di un lancio di missili effettuati contro l'aeroporto di Mezzah, a sud ovest di Damasco e sede di una base militare delle Guardie Repubblicane. Non è noto se ci sono state vittime, ma non è la prima volta che accade. Lanci di missili o bombardamenti aerei sono stati lanciati da Israele contro le città e le istallazioni siriane altre due volte a ...

Come al solito Israele mostra i muscoli

Israele inizia le ritorsioni contro l'Onu: 6 milioni di dollari in meno

06/01/2017, 18:51 -
TEL AVIV (ISRAELE) - Come sempre quando gli viene sbattuta in faccia la verità, Israele reagisce con rabbia e violenza. E così Netanyahu annuncia la prima ritorsione contro l'Onu: Israele non verserà 6 milioni di dollari che deve. La decisione è la risposta alla risoluzione Onu che ha condannato Israele per l'espansionismo coloniale nei Territori conquistati nel 1967 ad Egitto, Siria e Giordania. L?ambasciatore all'Onu Danny Danon non ha perso occasione per fare il solito vittimismo di cui Israele è maestro: "Non è ragionevole per ...

I giudici hanno dovuto abbozzare, c'è un filmato

Israele: soldato condannato per aver ucciso un palestinese inerme. E' polemica

05/01/2017, 16:48 -
TEL AVIV (ISRAELE) - Dopo un processo durato mesi, il soldato israeliano Elor Azaria è stato condannato da un tribunale militare per l'omicidio di un palestinese inerme. Una sentenza dovuta: il soldato si era fatto filmare da un giornalista palestinese mentre sparava un colpo in testa a bruciapelo ad Abdul Fatah al Sharif, 21enne palestinese immobilizzato al suolo e ferito. Ma subito si sono elevate le proteste di centinaia di soldati e di attivisti politici dei partiti di centro, di destra e di estrema destra. Lo stesso premier Banjamin Netanyahu ha detto che il ...

Il piano era stato predisposto da Russia e Turchia

Siria: i nemici di Assad rifiutano il cessate il fuoco

03/01/2017, 09:37 -
DAMASCO (SIRIA) - Come al solito, la tregua in Siria non regge. E come al solito, seguendo lo stesso schema: le cosiddette "fazioni ribelli" (che in realtà sono gruppi di mercenari addestrati ed armati dagli Usa e finanziati da Arabia Saudita e Qatar) hanno deciso di non sedersi al tavolo delle trattative con i rappresentanti del governo di Bashar al Assad. Accusano le truppe di Assad di aver violato ripetutamente il cessate il fuoco iniziato quattro giorni fa, accuse non dimostrate dai fatti. Il punto è che le discussioni sulla pace in Siria praticamente non ...

Altre notizie